Wednesday, Dec. 19, 2018

Nella Capitanata il Festival “I Borghi più belli d’Italia”

Written By:

|

settembre 11, 2012

|

Posted In:

Nella Capitanata il Festival “I Borghi più belli d’Italia”

Per quattro giorni, dal 6 al 9 settembre, l’area dei Monti Dauni, entroterra della Capitanata, è stata al centro dell’ attenzione di importanti operatori turistici nazionali e  internazionali: quattro paesi della provincia di Foggia (Pietramontecorvino, Bovino, Alberona, Roseto Valfortore)  hanno ospitato la settima edizione del Festival Nazionale de “I Borghi più belli d’Italia”, la manifestazione che presenta e racconta il meglio della cosiddetta “Italia minore”, quella dei campanili, dei centri storici medievali, dei castelli e dei boschi. “È un Paese, quello de I Borghi più belli d’Italia – ha spiegato il presidente dell’omonima associazione, Fiorello Primi che ha costruito una mappa della bellezza e dell’autenticità attraverso un riconoscimento, un marchio di qualità turistico-ambientale assegnato a 200 comuni capaci di tutelare e di valorizzare al meglio il proprio patrimonio di ricchezze materiali e immateriali”.

Il club dei “Borghi più belli d‘Italia è nato nel marzo 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell’Associazione dei Comuni Italiani. Per esservi ammessi, i Comuni devono rispondere a una serie di requisiti di carattere strutturale, come l’armonia architettonica del tessuto urbano e la qualità del patrimonio edilizio pubblico e privato, e di carattere generale che attengono alla vivibilità del borgo in termini di attività e di servizi al cittadino. Occorre inoltre impegnarsi per migliorare costantemente questi requisiti poiché l’ingresso nel Club non ne garantisce la permanenza.

 Nei giorni scorsi, dunque, molte delegazioni estere e tantissimi cittadini, visitatori e rappresentanti dei comuni appartenenti alla rete dei “Borghi più belli d’Italia”  hanno preso parte a convegni, workshop, educational tour, organizzati dai comuni ospitanti con la collaborazione e il contributo di Regione Puglia, Provincia di Foggia. Il Comune di Alberona, "bandiera arancione" del Toouring Club

L’organizzazione del Festival è stata condivisa in particolare da due paesi vicinissimi tra loro, Roseto Valfortore e Alberona, che si fregiano di importanti riconoscimenti: il primo, oltre a vantare l’assegnazione dello stendardo amaranto, è uno dei comuni segnalati da Legambiente per l’efficacia delle politiche contro il rischio idrogeologico; il secondo, Alberona, è anche “Bandiera Arancione” del Touring Club.

Cuore dell’evento il borgo di Roseto, che ha ospitato molti dei convegni e delle altre manifestazioni organizzate per i visitatori.  Sono arrivati anche molti buyer e mediatori provenienti da Europa, Asia e Stati Uniti.

 A Roseto Valfortore erano concentrati anche gli stand degli operatori turistici e dei comuni italiani ai quali l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia ha riconosciuto la certificazione di qualità turistico-ambientale.

 Nell’ambito del Festival si è anche svolta la terza edizione de “Les plus beaux villages de la terre”: Giappone, Spagna, Belgio, Francia e Grecia le nazioni protagoniste quest’anno, con i loro stand.

In Italia la Puglia, con nove “Borghi più belli d’Italia”, è una delle regioni leader nel Sud. Quella di Foggia, con cinque comuni entrati in questo speciale network, è giudicata tra le province con l’entroterra più interessante. Nell’Apulia che eccelle, inoltre, c’è un altro primato: il maggior numero di Borghi più belli d’Italia, in tutto il Mezzogiorno, è appannaggio dei Monti Dauni con lo stendardo amaranto a svettare sugli ingressi di Alberona, Bovino, Pietramontecorvino e Roseto Valfortore.

L’assegnazione del Festival a Pietramontecorvino, Bovino, Alberona e Roseto Valfortore – dicono gli organizzatori traendo un primo bilancio del Festival – è un’ulteriore prova di come l’area dei Monti Dauni possa essere considerata una nuova risorsa, per la provincia di Foggia e l’intera Puglia, da integrare in un’offerta più matura e completa del territorio: la Capitanata, con il Gargano e i centri dell’Appennino Dauno, possono letteralmente offrire “mari e monti”, splendidi tratti di costa e sentieri per gli escursionisti.

Roseto Valfortore I Monti Dauni contano 30 comuni (con Lucera, il centro più grande), oltre 500 tra chiese, siti d’interesse comunitario e musei etnografici, 9 paesi certificati con marchi di qualità. turistico- ambientali. (Bruno Cossàr)

Share This Article

Related News

Il 24 la Giornata Regionale dei Musei di Calabria
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

La Voce della Bellezza