Sunday, Dec. 16, 2018

I Corporate Art Awards ai campioni del mecenatismo

Written By:

|

novembre 28, 2016

|

Posted In:

I Corporate Art Awards ai campioni del mecenatismo

img_0270Deutsche Bank, Intesa San Paolo, American Express, Shiseido: sono alcune delle aziende distintesi per l’impegno sociale nel mondo dell’arte. Assegnati lo scorso 23 novembre i Corporate Art Awards 2016, i premi ideati per identificare, valorizzare e promuovere le eccellenze nelle collaborazioni tra il mondo del business e quello dell’arte, a livello internazionale. Il principio sul quale si fonda il concorso è che l’arte rappresenta il riconoscimento più alto dell’impegno sociale di un’azienda. Se un’impresa è coinvolta attivamente nel mondo dell’arte, significa che si è già dotata di un’organizzazione efficace per gestire con successo la redditività e le questioni etiche, ambientali e sociali.

Più di 80 le aziende che hanno partecipato con i propri progetti al concorso, candidando le proprie collezioni bancarie o le pubblicità realizzate con gli artisti; più di 20 i paesi interessati dall’iniziativa: dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Russia al Brasile, dal Giappone alla Germania, all’Inghilterra, al Canada, alla Svizzera. 10 le categorie messe a concorso.

img_0271Assegnato ex aequo a Intesa San Paolo e Deutsche Bank il primo premio “Migliore Collezione Corporate”, per le importanti raccolte di arte che fanno delle due banche dei campioni di mecenatismo culturale; si aggiudica il secondo posto l’American Express per il “Miglior programma di restauro internazionale”, mentre il terzo premio va a Shiseido per la “Più antica galleria di arte ancora operante in Giappone”. Oltre alle aziende sul podio, diversi sono stati i riconoscimenti d’onore e le menzioni speciali per aziende che si sono distinte con diverse interpretazioni del rapporto business/arte: Piaggio, Ikea, Campari, Banca Sistema, Axa, Metroweb e molte altre, fino a Lavazza per “La migliore interpretazione dei valori aziendali attraverso la fotografia artistica”, grazie al lungo percorso intrapreso nel campo della fotografia, con i propri calendari e fotoreportage d’autore.

Ad annunciare i vincitori del premio, nella sala Spadolini del Mibac, è lo stesso ideatore dell’iniziativa, Luca Desiata, professore di “Corporate Art” presso la Luiss Business School e fondatore di pptArt, media&communication agency che lavora esclusivamente con artisti. Il Ministro Dario Franceschini, al fianco di Luca Desiata nella presentazione dei vincitori, è intervenuto con parole di merito nei confronti del premio. “Un’iniziativa di dimensione internazionale, perfettamente in linea con il lavoro che stiamo facendo. Quando sono arrivato al Ministero – ha aggiunto Franceschini – la collaborazione tra pubblico e privato nel settore dei beni culturali sembrava impossibile, un tabù. Ci siamo impegnati per abbattere questa barriera e il Parlamento ha approvato delle norme a larghissima maggioranza che, come dimostrano i dati, stanno funzionando bene.” Parlando dell’Art bonus, Franceschini ha inoltre dichiarato che “funziona e ha superato i 131 milioni di euro di donazioni arrivate da 3.646 mecenati. Investire in cultura – ha concluso il Ministro – fa bene alle anime ma fa bene anche all’economia”.

Camilla Cipolla

Share This Article

Related News

Il 24 la Giornata Regionale dei Musei di Calabria
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

La Voce della Bellezza