Wednesday, Dec. 19, 2018

Genius loci: alla scoperta delle Barbagie millenarie

Written By:

|

settembre 30, 2012

|

Posted In:

Genius loci: alla scoperta delle Barbagie millenarie

Quando si parla di Sardegna la prima cosa che viene in mente sono l’estate, il caldo, il mare. Assolati pomeriggi d’agosto passati a prendere la tintarella su una delle sue innumerevoli e bianchissime spiagge, circondati da turisti euforici che fanno avanti e indietro dall’ombrellone al bagnasciuga in cerca di un fresco sollievo tra le acque cristalline della costa.

Oppure le notti mondane, spese tra i celebri locali della Costa Smeralda tra “stars” di più o meno vivido splendore a sorseggiare cocktail pieni di ombrellini dal gusto caraibico. Si, la Sardegna è diventata anche questo ma la sua vera essenza va cercata altrove.

Abbandoniamo per un attimo il mondo smeraldino e glitterato, posiamo infradito e ombrelloni, indossiamo scarpe da ginnastica, jeans e una bella faccia curiosa ed interessata. Il viaggio che stiamo per intraprendere non è agevole. Il percorso è impervio perché passa per i monti. Calca suoli duri e rocciosi, si inerpica tra rovi e ginestre, si addentra in mezzo ai cespugli di ginepro, mirto e corbezzolo. Ripercorre le orme di cinghiali e mufloni e sfiora l’aerale di aquile e astori. Ma quando si è troppo stanchi per proseguire ci si può sedere vicino ad una fonte per dissetarsi protetti dall’ombra e dalla saggezza delle querce secolari. Benvenuti in Barbagia, la regione centrale della Sardegna che si estende sui fianchi del massiccio del Gennargentu. Qui la terra è antica come gli avi del popolo che tuttora la abita. Nuragici e prenuragici del IV millennio a.c., che Cartaginesi e  Romani non riuscirono ad assoggettare e che fece loro guadagnare l’appellativo di Barbari. Gente indomita abituata ad essere forte e decisa come la terra che li ha partoriti. Ma gente che conserva e difende una cultura ricca e originale. Basta fare un giro tra gli innumerevoli paesini disseminati lungo i 1300 km q di questo territorio, per rendersi conto di quanto sia vivo e pulsante  il sentimento popolare che anima i suoi abitanti. Qui tutto parla di storia e lo fa nell’antica lingua dei sardi. Strade, viottoli, chiese campestri, i muri delle case ricoperti di “murales”che raccontano di antiche gesta e di tradizioni immortali. Le signore anziane sedute sull’uscio delle loro case con le tipiche vesti nere, catapultano il visitatore in un’altra dimensione. Dove il tempo è sospeso ma non in stallo; si muove perpetuo seguendo i battiti del cuore di questa terra e lasciando al di fuori tutto ciò che è “straniero”. Se si ha la fortuna di vedere questi luoghi durante le feste paesane, si rimarrà meravigliati dai colori e dalla ricchezza dei costumi tipici che sfilano per le strade, dai profumi, dai sapori  e dal calore umano. E per dirla come Lawrance: “La Sardegna è un’altra cosa (..). Catena di colline simile alla brughiera, irrilevanti,che corrono via (..). E’ incantevole spazio intorno a un individuo, e distanza da viaggiare, (..), è come la libertà stessa”.

Mariangela Cossu – Lumsa News

 

Share This Article

Related News

Il 24 la Giornata Regionale dei Musei di Calabria
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

La Voce della Bellezza