Friday, Dec. 14, 2018

Expo 2015: la Sicilia riluce nel cluster Bio-Mediterraneo

Written By:

|

ottobre 24, 2014

|

Posted In:

Expo 2015: la Sicilia riluce nel cluster Bio-Mediterraneo

image1A raggruppare i Paesi all’Expo2015 non sarà un ordine geografico, bensì una comune filiera alimentare: i clusters – ovvero i macro padiglioni- saranno infatti divisi in Riso, Cacao, Caffè, Spezie, Frutta, Cereali, Zone aride, Isole e Mediterraneo. A quest’ultima farà capo la Sicilia, che si unisce a Grecia, Libano ed altri paesi che hanno costruito la loro identità gastronomica su grano, ulivi e vigneti.

Oltre ad un ottimo bilanciamento dei nutrienti, la dieta mediterranea salvaguarda anche la biodiversità agricola grazie alle coltivazioni coerenti con il clima, l’ambiente e le capacità dei terreni. Uomo e ambiente agiscono infatti reciprocamente l’uno sull’altro: le attività umane trasformano l’ambiente naturale che a sua volta condiziona gli stili di vita, tra cui figura anche l’alimentazione. “Nutrire il pianeta” -slogan di Expo2015- significa per prima cosa averne cura, non stravolgerlo, ridare importanza alle stagioni e ai prodotti autoctoni, accontentarsi e gioire di ciò che cresce spontaneamente nei nostri territori.

In questo caso il Mar Mediterraneo, che unisce ben tre continenti e che rappresenta ancora un fondamentale luogo di passaggio e scambio, non ha tradito le sue storiche colture: grano, vino e olio sono ancora i simboli  di un territorio che beneficia della mitigazione del mare,  del calore del sole e della cultura conviviale. La Sicilia, prima regione italiana partner ufficiale dell’Esposizione, allestirà nel padiglione due punti di ristorazione; spazi di comunicazione e culturali, dove gli atenei di Palermo, Messina  e Catania effettueranno e presenteranno delle ricerche per estendere il messaggio del valore della dieta mediterranea; dei luoghi di vendita, in cui  saranno coinvolte le 30 Dop e Igp siciliane, i gruppi d’azione locali e costieri, l’Anci e Slow Food.

Un padiglione di 7.304 Mq, pavimentato d’azzurro, ospiterà identità singole e collettive per dimostrare come alcune aree vantino le stesse risorse seppure geograficamente divise. D’altronde, scriveva Pope, il mare unisce i paesi che separa.

 Giulia Coia

#Expo2015

www.expo2015.org

Share This Article

Related News

Il 24 la Giornata Regionale dei Musei di Calabria
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it