Monday, Jul. 16, 2018

Stati Generali della Cultura: i moniti di Napolitano

Written By:

|

novembre 16, 2012

|

Posted In:

Stati Generali della Cultura: i moniti di Napolitano

Nuovo appello del Presidente Napolitano  intervenuto ieri agli Stati Generali della Cultura. E questa  volta arrivano dal Capo dello Stato accuse precise: la cultura è un settore ”trascurato per un lungo arco di tempo” e ”clamorosamente sottovalutato dalle istituzioni”. Inoltre ci sono ”incrostazioni burocratiche” che frenano le scelte governative.

Solo 8 giorni prima, alla consegna dei premi Vittorio De Sica 2012 e delle Maschere del teatro italiano al Quirinale, con il ministro della Cultura Ornaghi, Napolitano aveva insistito su un’esigenza:”E’ necessario – aveva detto – diffondere la consapevolezza, nella società come nelle istituzioni, guardando al presente e al futuro anche della nostra economia, dell’importanza del patrimonio artistico, culturale, storico e paesaggistico dell’Italia. Una importanza decisiva per il Paese e per la sua voce e riconoscibilità nel mondo”.

Tuttavia, parlare di ”emergenza cultura – secondo Napolitano – non è corretto. Piuttosto bisogna parlare di forte trascuratezza per un lungo arco di tempo. Una questione – ha chiarito – che non nasce con questo governo e neanche con il precedente. E’ stata una scelta di fondo trascurata da troppi decenni”.

Il Capo dello Stato è tornato a sottolineare le opportunità che offre la Cultura per i nostro paese  anche perchè può essere ”il motore moltiplicatore dello sviluppo”. Oggi infatti  “quello che ci deve assillare è come rilanciare lo sviluppo, l’occupazione”. La cultura può quindi “rappresentare il volano per una nuova prospettiva di sviluppo in Italia”.

 Eppure in Italia  ”persiste – ha notato il Capo dello Stato – una sottovalutazione clamorosa di queste tematiche da parte delle istituzioni politiche, di governo nazionale e locale e di diversi soggetti della società civile”. Una ”sottovalutazione clamorosa nelle politiche pubbliche” legata a una “scarsa consapevolezza del nostro patrimonio”.

Il Capo dello Stato ha ricordato  ”scelta dell’Assemblea costituente per l’art. 9 della Costituzione, uno dei principi fondamentali della Carta. Una scelta meditata, lungimirante che abbraccia in due righe tutti gli aspetti che affrontiamo. Dobbiamo rendere omaggio a questi signori, che sapevano scrivere in italiano!”. Nell’articolo 9 – ha sottolineato Napolitano –  si parla di promuovere lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e della tutela del nostro patrimonio storico, artistico della nostra nazione. Ebbene, dice il Presidente, ”la promozione e’ insufficiente” e questo porta ad ”un ulteriore incivilimento del Paese”.

Infine un monito al governo a stare più attento ai tagli  nella spending review: la politica ha la responsabilità  nel dire no e si’. Ma alla cultura bisogna dire più sì”.

Nicola Commisso

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *