Wednesday, Dec. 19, 2018

Stati Generali della Cultura: i moniti di Napolitano

Written By:

|

novembre 16, 2012

|

Posted In:

Stati Generali della Cultura: i moniti di Napolitano

Nuovo appello del Presidente Napolitano  intervenuto ieri agli Stati Generali della Cultura. E questa  volta arrivano dal Capo dello Stato accuse precise: la cultura è un settore ”trascurato per un lungo arco di tempo” e ”clamorosamente sottovalutato dalle istituzioni”. Inoltre ci sono ”incrostazioni burocratiche” che frenano le scelte governative.

Solo 8 giorni prima, alla consegna dei premi Vittorio De Sica 2012 e delle Maschere del teatro italiano al Quirinale, con il ministro della Cultura Ornaghi, Napolitano aveva insistito su un’esigenza:”E’ necessario – aveva detto – diffondere la consapevolezza, nella società come nelle istituzioni, guardando al presente e al futuro anche della nostra economia, dell’importanza del patrimonio artistico, culturale, storico e paesaggistico dell’Italia. Una importanza decisiva per il Paese e per la sua voce e riconoscibilità nel mondo”.

Tuttavia, parlare di ”emergenza cultura – secondo Napolitano – non è corretto. Piuttosto bisogna parlare di forte trascuratezza per un lungo arco di tempo. Una questione – ha chiarito – che non nasce con questo governo e neanche con il precedente. E’ stata una scelta di fondo trascurata da troppi decenni”.

Il Capo dello Stato è tornato a sottolineare le opportunità che offre la Cultura per i nostro paese  anche perchè può essere ”il motore moltiplicatore dello sviluppo”. Oggi infatti  “quello che ci deve assillare è come rilanciare lo sviluppo, l’occupazione”. La cultura può quindi “rappresentare il volano per una nuova prospettiva di sviluppo in Italia”.

 Eppure in Italia  ”persiste – ha notato il Capo dello Stato – una sottovalutazione clamorosa di queste tematiche da parte delle istituzioni politiche, di governo nazionale e locale e di diversi soggetti della società civile”. Una ”sottovalutazione clamorosa nelle politiche pubbliche” legata a una “scarsa consapevolezza del nostro patrimonio”.

Il Capo dello Stato ha ricordato  ”scelta dell’Assemblea costituente per l’art. 9 della Costituzione, uno dei principi fondamentali della Carta. Una scelta meditata, lungimirante che abbraccia in due righe tutti gli aspetti che affrontiamo. Dobbiamo rendere omaggio a questi signori, che sapevano scrivere in italiano!”. Nell’articolo 9 – ha sottolineato Napolitano –  si parla di promuovere lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e della tutela del nostro patrimonio storico, artistico della nostra nazione. Ebbene, dice il Presidente, ”la promozione e’ insufficiente” e questo porta ad ”un ulteriore incivilimento del Paese”.

Infine un monito al governo a stare più attento ai tagli  nella spending review: la politica ha la responsabilità  nel dire no e si’. Ma alla cultura bisogna dire più sì”.

Nicola Commisso

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.