Sunday, Jul. 15, 2018

Etruscanning: verso il futuro dell’antichità

Written By:

|

aprile 10, 2013

|

Posted In:

Etruscanning: verso il futuro dell’antichità

Esplorare una tomba etrusca del VII secolo a.C. con gli occhi dei suoi scopritori, conoscerne i segreti, ammirarne ogni singolo pezzo intatto che compone il suo prezioso corredo funebre: un’esperienza ora possibile grazie al progetto europeo “Etruscanning”, nato sei anni fa, finalizzato alla sperimentazione di tecniche innovative per la documentazione digitalizzata e la comunicazione al pubblico di contesti funerari etruschi. Presso una delle sale del Museo Gregoriano Etrusco dei Musei Vaticani, la famosa tomba Regolini-Galassi di Cerveteri, uno dei contesti più ricchi e significativi per il periodo orientalizzante in Etruria, torna a mostrare i suoi tesori, totalmente ricostruiti digitalmente, ricollocati là dove l’arciprete Alessandro Regolini ed il generale Vincenzo Galassi li rinvennero nel 1836.

Il pubblico, infatti, potrà entrare nel monumento sepolcrale ricostruito in 3D, come doveva essere subito dopo la sua chiusura, ed ispezionarne ogni spazio: un viaggio affascinante frutto del lavoro compiuto dall’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Consiglio nazionale delle ricerche. “La struttura è stata acquisita con laser scanner – spiega la responsabile del progetto Etruscanning per il Cnr, Eva Pietroni – e riprodotta, grazie alla computer grafica, sulla base delle descrizioni che si sono succedute immediatamente dopo la scoperta della tomba, pubblicazioni prodotte da Canina, Montiroli e Grifi”. Di fronte ad un grande schermo, davanti ad un sensore, con semplici gesti del corpo ogni utente può spostarsi nell’ambiente virtuale, accompagnato dalle voci e dai  racconti di una principessa e di un guerriero seppelliti in quel luogo duemilasettecento anni fa.

I visitatori spostandosi sul pavimento, utilizzando le mani come cursori, interagiscono con ciascun oggetto collocato all’interno del tumulo: il sensore Kinect utilizzato per l’applicazione virtuale consente con estrema semplicità di osservarne il più piccolo particolare. Universi di ricordi, suggestioni e significati rivivono per mezzo di una precisa suddivisione dello spazio: “Lo schermo principale è dedicato all’esplorazione della tomba e a mano a mano che l’utente ne percorre il corridoio –  chiarisce Eva Pietroni – sulla destra appaiono i manufatti che costituiscono il corredo funebre della Regolini-Galassi: portando la mano sul menù di selezione gli oggetti si mostrano sullo schermo centrale in primo piano, attivando il racconto della donna di stirpe regale o del guerriero” Tecnologia digitale ed archeologia: un connubio affascinante destinato a costituire la nuova frontiera nei processi di comunicazione e di didattica museale.

Andrea Mazzuca

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *