Monday, Jul. 16, 2018

A Verona, Milano e Roma tre mostre da non perdere

Written By:

|

gennaio 18, 2014

|

Posted In:

A Verona, Milano e Roma tre mostre da non perdere

 

Antoniazzo Romano

Antoniazzo Romano

Verona e l’arte di Emilio Vedova, Milano e il marmo di Rodin, Roma e le tele di Antoniazzo: tre occasioni per incontrare il tocco di grandi maestri dell’arte europea.

A Verona, alla Galleria dello Scudo, la mostra “De America” espone lavori in bianco e nero firmati da Emilio Vedova, protagonista dell’avanguardia italiana: un ciclo interamente dedicato al rapporto che Vedova instaurò con le istituzioni universitarie, quelle pubbliche ed il mondo della cultura a stelle e strisce.  Un corpus di opere mai esposto nella sua completezza, quasi cinquanta dipinti su tela e su carta di grande formato realizzati tra il 1976 ed il 1977; il segno, deciso e feroce, compone figure inconfondibili: una porta d’ingresso all’esperienza condotta negli Stati Uniti da uno dei più importanti artisti italiani del secolo scorso.  Un’ occasione imperdibile, fino al 31 marzo, per ripercorrere la strada che portò il maestro veneziano ad imporsi giovanissimo nel panorama artistico mondiale.

Milano offre invece ancora per poco, fino al 26 gennaio, uno dei più colossali allestimenti dedicati ad Auguste Rodin: per celebrare il genio dell’artista parigino, ecco la più grande rassegna di sculture mai esposta qui in Italia. Sessanta opere in tutto, da quelle giovanili, severe e rigorose, a quelle compiute in età adulta, ormai libere da vincoli dettati da correnti ed accademie, da cui emerge  quella naturalezza e quella spontaneità che trova un paragone solo nel gesto di Michelangelo. Particolarmente suggestiva è la sezione dedicata alla poetica dell’incompiuto, ossia all’approdo a quel “non finito consapevole”, simbolo di una perpetua trasformazione, cui anche il marmo può esserne soggetto.

Roma rievoca l’arte di Antoniazzo Romano, dalla formazione alle grandi commissioni, dalle sue ispirazioni alla piena consapevolezza del proprio talento e al conseguente bisogno di sperimentare. Fino  al 2 febbraio presso gli spazi espositivi di Palazzo Barberini si posso ammirare i capolavori del Romano capaci di una sintesi straordinaria: le sue tele, come anche le pale d’altare fondono la rivoluzione artistica rinascimentale con i precedenti splendori medievali.

Andrea Mazzuca

 

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *