Wednesday, Dec. 19, 2018

Un tuffo nel cuore dell’impero tra scenari in 3D e restauri virtuali

Written By:

|

novembre 24, 2014

|

Posted In:

Un tuffo nel cuore dell’impero tra scenari in 3D e restauri virtuali

chiavi di roma 1Il futuro delle antichità è senza dubbio nelle mani della tecnologia: visitare un sito archeologico, vederlo rifiorire, aggirarsi tra i ruderi e tornare ad ammirare il profilo di maestosi mausolei o quello delle caserme dei cavalieri scelti dell’imperatore non è più un sogno per gli archeologi e gli appassionati.

Se si ha voglia di un’immersione profonda millenni nel cuore di Roma, un evento su tutti sembra imperdibile: negli spazi espositivi del museo dei Fori Imperiali ai Mercati di Traiano, fino al 21 febbraio, ogni visitatore compie un tuffo nell’antica storia dell’Urbe, tra avventure e leggende, tra scenari 3D, monitor touch screen, sistemi di interazione tattile e restauri virtuali.

Con la tecnologia multimediale si ricontestualizzano le opere d’arte in mostra. Percorrendo le strade dell’impero si ammirano statue e reperti nel loro splendore originario.

Alla mostra “Le Chiavi di Roma. La città di Augusto”,  allestita per il bimillenario della morte del princeps, ci accolgono il mercante Gaius e suo nipote Marcus. Da un filmato proiettato all’inizio del percorso conosciamo la loro storia, la missione che il primo affida al giovane e a tutti noi:  le chiavi dell’impero sono nelle nostre mani, non ci rimane altro che attraversare il sentiero espositivo.

L’esperienza di visita è intrigante ed avvolgente: giocando con i numerosissimi strumenti interattivi a disposizione, utilizzando il proprio telefono, si possono esplorare digitalmente i reperti che la voce di Gaius ci indica durante tutto il viaggio, fornendoci curiosità e dettagli interessanti.le chiavi di roma 2

Svelati i segreti che custodiscono alcuni degli oggetti in mostra, sfruttando la simulazione realistica del sensore KINECT, eccoci in un ambiente olografico dove ogni singolo reperto trova la rispettiva collocazione: un mosaico di tesori, un susseguirsi  di indagini cui è impossibile resistere.

I mercati traianei, luogo dalle caratteristiche uniche a Roma e nel mondo, hanno vissuto la trasformazione della città dall’età imperiale fino ad oggi, costantemente riutilizzati: proprio qui le tecnologie multimediali stringono un patto con l’archeologia per ridefinire il futuro della didattica museale, avvicinando ogni tipo di pubblico agli antichi splendori.

Andrea Mazzuca

 

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza