Wednesday, Mar. 20, 2019

Tra i silenzi delle vette per avvicinare la bellezza

Written By:

|

Ottobre 25, 2012

|

Posted In:

Tra i silenzi delle vette per avvicinare la bellezza

Nel cuore della Val di Sole, tra scenari eterni e squisitamente alpini, millenari ghiacciai e malghe trentine, riecheggiano  «I suoni delle Dolomiti». Si è tenuta a luglio la tre giorni di trekking musicale che ha visto protagonisti Mario Brunello e Isabelle Faust. Il violoncellista castellano e la violinista tedesca uniti in un sodalizio artistico tra i rifugi del Cevedale. Il filo conduttore delle loro performances è la musica abbinata all’amore per la montagna e all’improvvisazione sul posto. Un’esperienza unica nel suo genere fatta di scorci teatrali assunti in chiave inedita, con la funzione di quinte teatrali e colti nella loro essenza, quali la scenografia disegnata da un bosco, da un prato o da un crepaccio; la natura fa da cassa di risonanza a dei capolavori di repertorio, i duetti di Maurice Ravel e Zoltàn Kodaly. Come racconta Mario Brunello: «Questi due pezzi sono i pezzi forti del nostro trekking e sono stati preparati col pubblico durante le passeggiate. Ci sono state discussioni con i partecipanti, occasioni di confronto e di scambio durante la camminata che preparano al momento dell’ esibizione». E’ un Mario Brunello decisamente di casa tra le montagne a parlare. A “Suoni delle Dolomiti” partecipa da ben 18 anni (dalla prima edizione della manifestazione) esportando in vetta una pluralità di generi e repertori, dal jazz alla canzone d’autore, dalla poesia al teatro, sulle vette alpine si spazia liberamente, si sperimenta, si inventa, come lui stesso rivela: «Il festival è maggiorenne, ha 18 anni quindi non teme nessun repertorio, serve solo trovare un luogo dove il silenzio sia profondo, affinché l’aria non disperda il suono». Da questa particolare mistura, che gioca sui binomi silenzio e musica, uomo e natura, è stata folgorata anche Isabelle Faust, violinista tedesca che ha imbracciato il violino a cinque anni d’età e da allora non se è più separata, percorrendo una carriera che l’ha portata ad affermarsi a livello internazionale. Per la prima volta  insieme a Brunello, consegna una sua riflessione finale: «Valorizzare le ricchezze di un territorio attraverso l’arte e non solo attraverso i manufatti, investendo sulla musica ha dimostrato che ci sono altre vie per avvicinare il bello alle persone, a tutti». (www.isuonidelledolomiti.it)

(Valentina Calzavara)  

Articolo partecipante al  premio giornalistico La Voce della Bellezza e pubblicato su La Tribuna di Treviso

Share This Article

Related News

A Locri partono le conversazioni  2019 sulle novità del Museo
Giornata del Paesaggio: 150 eventi in tutta Italia
Chiara Fera e il “Libro invisibile di Pietro Citati”

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: