Saturday, Apr. 20, 2024

Sgarbi e Ainis: la bellezza dell’Italia motore del riscatto

Written By:

|

12/11/2013

|

Posted In:

Sgarbi e Ainis: la bellezza dell’Italia motore del riscatto

Esce domani, per l’editore Bompiani II tesoro d’Italia (pp. 300, € 22) del critico ferrarese Vittorio Sgarbi. L’introduzione, che è del costituzionalista Michele Ainis è  stata anticipata oggi dal Corriere della Sera.  La tesi del libro è che l’Italia ha un tesoro di inestimabile  valore. Ed è un tesoro diffuso. Ma gli italiani non sanno  di averlo e lo sciupano. Nel libro, Sgarbi compone una  mappatura di villaggio in villaggio di opere, quadri, beni diffusi. Sono citati oltre 40 artisti, noti e meno  noti, e anche delle vere e proprie scoperte. Ne esce non solo una «cartografia del cuore» del critico ma anche un  percorso di storia dell’arte, in particolare dei secoli XI,  XII, XIII, XIV. Il libro è strumento per chi vuole conoscere l’arte del nostro Paese e scoprire quale tesoro  si «nasconda» dietro l’uscio di casa.
Il libro sarà presentato domani a  Roma a palazzo Barberini (via delle Quattro Fontane 13) alle ore 18 dal Ministro per i Beni e le attività  culturali Massimo Bray, con Michele  Ainis e Armando Torno. Interverrà  con loro l’autore.
“C’è un tesoro nascosto, o comunque ignorato – scrive Ainis – nelle periferie del Belpaese. Come gli affreschi dei fratelli Salimbeni nell’oratorio di San Giovanni (XV secolo), a San Severino Marche; o come la cripta della cattedrale  di Anagni (XI secolo). Le pagine di Sgarbi ci accompagnano perciò in un viaggio, in un’esplorazione.
Ci raccontano una ricchezza della quale non sospettavamo l`esistenza. O meglio: sappiamo dei Fori imperiali, della Torre di Pisa, dei templi di Agrigento. Sappiamo che l’Italia (con 49 siti riconosciuti dall`Unesco, alla data del 2013) è in testa alla classifica che misura il patrimonio culturale mondiale. Ma in realtà tutto il nostro territorio è punteggiato da tesori storici, artistici, paesistici. E noi ci camminiamo sopra ogni giorno, per lo più senza sapere dove posiamo i piedi” .
Ainis si chiede  quanto ne sappia lo Stato italiano delle bellezze italiane e se abbia la  capacità di riconoscerle, e  quindi di farle conoscere. “Il censimento dei beni culturali rimane un`incompiuta – secondo Ainis –  e non è un dettaglio irrilevante. Non a caso nel codice Urbani del 2004 – il testo normativo che disciplina tuttora la materia – la catalogazione precede ogni altra attività spesa per tutelare il patrimonio artistico.
E a sua volta la tutela esprime il primo obbligo che la Costituzione assegna al nostro Stato; gli altri due si chiamano valorizzazione e promozione”. “C`è il valore – constata amaramente  Ainis- ma  non c`è la valorizzazione”.

Share This Article

Related News

L’Astra Roma ballet celebra Dante
Safari, una mostra dedicata alla Giornata della Terra
Arianna, una passione diventata lavoro

About Author

Da Leggere

Saggi, ricerche, racconti, poesie, recensioni, articoli, tesi di laurea, prolusioni: c’è spazio in queste pagine per tutto quello che vale la pena leggere a proposito della bellezza. Nelle librerie e nelle biblioteche ci sono veri e propri piccoli tesori che vi aiutiamo a scoprire. A volte sono i testi da cui abbiamo tratto le citazioni che animano questo portale a corredo di una carrellata di opere d’arte. Altre volte sono segnalazioni che vengono da voi lettori. Diteci che cosa vale la pena leggere sulla bellezza a: daleggere@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: