Sunday, Dec. 16, 2018

Per i musei italiani un 2016 da record: 44,5 milioni di visitatori

Written By:

|

gennaio 7, 2017

|

Posted In:

Per i musei italiani un 2016 da record: 44,5 milioni di visitatori

domus2 La “cura Franceschini” per i musei italiani sembra funzionare molto bene: 44,5 milioni di visitatori è il nuovo record. La riforma del ministro dei Beni Culturali – prima nel governo Renzi ed ora in quello Gentiloni – ha prodotto in tre anni un incremento di 6 milioni di biglietti e  di 45 milioni negli incassi.

“I dati del 2016 – ha detto con soddisfazione il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – decretano un nuovo record per i musei italiani. I 44,5 milioni di ingressi nei luoghi della cultura di proprietà dello Stato hanno portato incassi per oltre 172 milioni di euro, con un incremento rispettivamente del 4% e del 12% rispetto al 2015 che corrispondono a 1,2milioni di visitatori in più e a maggiori incassi per 18,5 milioni di euro”.federico-da-montefeltro

“Con la cultura non si mangia”, disse un ministro (Giulio Tremonti) del governo Berlusconi. I dati di questi ultimi anni sono un ulteriore smentita di quella infelice uscita perchè gli italiani non solo dimostrano di amare la bellezza e l’arte e di nutrirsi  di esse per soddisfare questo aspetto non secondario della vita, ma – con le loro presenzew nei musei – hanno messo in moto un meccanismo virtuoso. Le risorse preziose che vengono dal “boom” di visitatori nei luoghi più famosi (Colosseo, Pompei, Uffizi, Reggia di Caserta) torneranno interamente ai musei secondo un sistema che premia le migliori gestioni e al contempo garantisce le piccole realtà.

carpaccio-2“Si tratta del terzo anno consecutivo di crescita per i musei statali – ha fatto notare il ministro – che da 38 milioni di biglietti nel 2013 sono passati a 44,5 milioni nel 2016: 6 milioni di visitatori in più in un triennio che rappresentano un incremento del 15% nel periodo considerato e hanno portato a un aumento degli incassi pari a 45 milioni. Una crescita nella quale il Sud gioca un ruolo importante, con la Campania anche nel 2016 stabilmente al secondo posto nella classifica delle regioni con maggior numero di visitatori grazie agli oltre 8 milioni di ingressi registrati, un aumento del 14,2% sul 2015. La parte del leone – nota ancora il Ministro – la gioca senza dubbio il nostro patrimonio archeologico, se si considera che solo fra Colosseo, Foro Romano, Palatino. Museo Archeologico di Napoli, parco archeologico di Paestum e Scavi di Pompei nell’anno appena trascorso sono stati emessi circa 11 milioni di biglietti. Ma anche i musei hanno un ruolo importante, dal momento che circa la metà degli ingressi è concentrata nei musei autonomi”.

r.a.

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza