Monday, Jan. 21, 2019

Musiche e tesori del Duomo di Milano

Written By:

|

Ottobre 9, 2014

|

Posted In:

Musiche e tesori del Duomo di Milano

Duomo MIlano duomo Milano organoFino al 30 ottobre il Duomo di Milano ospiterà ogni giovedì e sabato concerti e composizioni melodiche in onore della Festa ad esso dedicata. La terza domenica di ottobre del 453 il vescovo Eusebio consacrò infatti il Duomo di Milano e per questo anniversario, la Veneranda Fabbrica ha deciso di dedicare la commemorazione alla grande musica, che è da sempre protagonista nella storia della cattedrale milanese. È proprio al capoluogo lombardo che vengono fatti risalire le prime testimonianze di musica cristiana occidentale, alle quali  S. Ambrogio aggiunse nuove forme canore. Tra queste vi sono i salmi cantati, i cori alternati, il canto antifonato – in cui i versetti si alternano con l’antifona, una breve frase musicale- e gli inni, dalla metrica semplice e con una melodia facile da ricordare. Data l’importanza del coro, sempre nel 1402 venne nominato il primo maestro di canto: Matteo da Perugia, che diresse un coro inizialmente formato da pochi elementi  e che insegnò musica in una scuola pubblica aperta a tutti. Ad egli seguirono maestose personalità come Josquin des Près, Johann Christian e Raimondo Boucheron.

La storica Cappella Musicale del Duomo –nata nel 1402-  ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale non solo nei riti religiosi, ma anche nella formazione dei talenti canori. La “Schola Puerorum”, basata su criteri severi, seleziona e accresce ancora oggi soprani e contralti designati alle esecuzioni in Duomo.

Tra le proposte del programma 2014 vi è l’oratorio “Sedecia, re di Gerusalemme”, opera del 1705 di Alessandro Scarlatti riguardante l’Antico Testamento in cui i sopranisti ricoprono un ruolo cruciale.

Ogni sabato la Veneranda Fabbrica -in collaborazione con l’Associazione Amici della Cappella Musicale del Duomo- organizzerà delle visite guidate nei luoghi più segreti della Cattedrale solitamente non accessibili al pubblico a cui seguirà un concerto in Cappella Feriale.

Un incontro tra arte ed insegnamento che continua a riempire le pagine della vocazione musicale milanese che, col suo linguaggio, riempie ed esalta ancora le storiche mura.

Giulia Coia

www.duomomilano.it

Share This Article

Related News

El nost Milan, il FAI e venti lezioni di storia e arte lungo i Navigli
Rita Levi Montalcini e l’irresistibile fascino del cervello
Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo

About Author

La Voce della Bellezza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: