Wednesday, Oct. 28, 2020

Matera, Capitale Europea della Cultura: il paradosso italiano

Written By:

|

Ottobre 20, 2014

|

Posted In:

Matera, Capitale Europea della Cultura: il paradosso italiano

matera1Matera, piccolo capoluogo Lucano, è stata nominata Capitale Europea della Cultura 2019, battendo le concorrenti Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena. La Capitale Europea della Cultura fu istituita per la prima volta nel 1985, con lo scopo di promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico e culturale dei Paesi membri dell’Unione Europea. Il titolo è assegnato, a rotazione, a due Stati membri, e l’Italia si trova a condividere gioia e orgoglio con Plovdiv, città della Bulgaria. matera2

La Giuria internazionale di selezione, composta da 13 membri, ha valutato i singoli progetti presentati da ogni città candidata, raggiungendo il verdetto finale con una maggioranza di 7 voti.

“Open future”, aprire il futuro, è lo slogan scelto dalla città di Matera per la sua candidatura, perché, come ha scritto il comitato promotore nel suo documento ufficiale, “Con molte altre piccole e medie città europee, Matera ha condiviso lo stesso destino di area di consumo di prodotti provenienti dai grandi centri di produzione culturale. Negli ultimi anni, però, il quadro sta cambiando. Si fa strada un movimento che rimuove sistematicamente le barriere di accesso alla cultura: usa nuove tecnologie, adotta licenze aperte per rendere culturalmente ed economicamente sostenibile un modello in cui la produzione culturale è diffusa, orizzontale, partecipata”.

Una città, dunque, che fa leva sulle proprie forze per dare una spinta al proprio progresso culturale, tramite una valorizzazione indubbiamente notevole.

Noi italiani, patriottici e fieri, condividiamo l’onore e l’orgoglio: Matera, Capitale Europea della Cultura. Ma quanti di noi, onestamente, hanno avuto l’occasione di assaporarne il paesaggio, percorrerne i vicoli o percepirne l’atmosfera quasi poetica?

La città, per l’incanto e la bellezza di cui è protagonista, si ritrova a vivere uno dei più gravi paradossi della nostra nazione: non c’è treno che porti a Matera. Le Ferrovie dello Stato la hanno consapevolmente abbandonata a se stessa, escludendola dall’unico circuito ferroviario che fa da rete in tutta Italia. E questo limita esponenzialmente le capacità turistiche e ricettive di una città a così alta vocazione turistica. Ma non è tutto: nessuna autostrada porta a Matera, e gli aeroporti più vicini sono in altre regioni.

“Benvenuti a Matera – scrive Pino Aprile – Patrimonio dell’Umanità, meno che dell’Italia”.matera3

Che questo titolo di Capitale Europea della Cultura porti una ventata di novità, risvegliando gli animi assopiti di chi, volente o nolente, non vede quali ricchezze artistiche, storiche e culturali nascondiamo agli occhi del mondo?  E’ questo l’augurio.

Clara Cosenza

Matera è un posto difficile da descrivere. È difficile persino da fotografare. Sfugge alle definizioni, sguscia via tra uno scatto e l’altro, tra parola e parola. Bisogna andarci. […] È un posto unico al mondo, che va attraversato in silenzio, assorti, in modo da catturarne la bellezza selvaggia, caotica, che sfugge a ogni definizione.

(Licia Troisi)

 

 

Share This Article

Related News

A Roma un nuovo parco a tema con gladiatori e tour botanico
Giornata dell’Ambiente: Gran tour in Italia tra cultura e natura
Mascherine per la Vittoria a via Margutta

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: