Wednesday, Sep. 30, 2020

L’arte degli anni Settanta in mostra a Roma

Written By:

|

Novembre 14, 2013

|

Posted In:

L’arte degli anni Settanta in mostra a Roma

 Al Palazzo delle Esposizioni di Roma, fino al 2 febbraio 2014, sono riunite le opere di ottanta autori, italiani e non, nella mostra “Gli anni Settanta. Arte a Roma”, a cura di Daniela Lancioni. Pittura, fotografia e video-arte in un percorso incentrato sulle opere realizzate ed esposte nella Capitale in un decennio controverso e molto vitale.

Mentre gli anni Sessanta avevano visto l’arte americana protagonista nel panorama internazionale, nel decennio successivo l’Europa tornò ad essere il punto di riferimento in campo artistico. In particolare Roma, grazie all’attività e alla presenza di gallerie d’arte e di artisti internazionali, sviluppò un circuito culturale e artistico che ebbe una grande eco anche all’estero. Giunsero nella capitale importanti artisti stranieri: Kosuth, Richard Long, Twombly, Douglas Huebler, Buren. Non mancarono musicisti e artisti americani attivi nel teatro e nella danza, invitati a Roma da Fabio Sargentini, direttore della storica galleria L’Attico: tra questi Trisha Brown, Philip Glass, Terry Riley, Simon Forti, Charlemagne Palestine. Gli anni Settanta furono molto movimentati anche grazie ai critici d’arte e ai galleristi. In quegli anni infatti furono allestite due tra le più importanti mostre del decennio: Vitalità del negativo nell’arte italiana 1960/70 (1970), allestita a Palazzo delle Esposizioni e curata da Achille Bonito Oliva, che vide la partecipazione dei più importanti artisti italiani dell’epoca, e Contemporanea (1973), rassegna interdisciplinare allestita nel parcheggio sotterraneo di Villa Borghese.

Nella mostra  “Gli anni Settanta. Arte a Roma” hanno un ruolo centrale gli autori di diverse generazioni che in quel decennio hanno realizzato opere importantissime e davvero significative per la storia dell’arte: Enrico Castellani, Fausto Melotti, Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Giosetta Fioroni, Luciano Fabro, Ettore Innocente, Giulio Paolini, Jannis Kounellis e molti altri. Viene dato risalto anche ad autori esordienti di quel periodo, così come alle diverse correnti artistico-poetiche che si configurarono a Roma negli anni ’70: Arte Concettuale, Minimalismo, Pittura Analitica, Narrative Art, Arte Povera, Situazionisti, Anarchitecture. Una mostra quindi dedicata alla creatività e alla vitalità legata agli ambienti culturali: Palazzo delle Esposizioni a Roma ospita la bellezza dell’arte degli anni Settanta.

Laura Rubboli

Share This Article

Related News

A Roma un nuovo parco a tema con gladiatori e tour botanico
Giornata dell’Ambiente: Gran tour in Italia tra cultura e natura
Mascherine per la Vittoria a via Margutta

About Author

News

Agenzie di stampa, giornali, radio e tv non ignorano certo il tema della bellezza. La moda è sempre in primo piano, essendo un asset importante per il Paese. Anche il turismo nelle città d’arte gode di una buona copertura mediatica. Noi vogliamo, però, raccontare tutti gli aspetti e gli esempi dell’Italia migliore: quelli che fanno crescere il pil, ma anche quelli che fanno crescere il Paese facendolo uscire dal pessimismo e dallo sconforto perché sono esempi positivi di gente che non si arrende e non rinuncia. Segnalateceli a: news@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: