Thursday, Mar. 21, 2019

Italian food tradition: il made in Campania punta all’estero

Written By:

|

Novembre 13, 2012

|

Posted In:

Italian food tradition: il made in Campania punta all’estero

Promuovere e valorizzare l’agroalimentare italiano all’estero attraverso la pasta, conserve di pomodoro, olio, vino, caffè, acqua minerale, mozzarella, aceto balsamico e frutta secca è la prerogativa del progetto Tradizione italiana – Italian food tradition, nato a Napoli in risposta alla grande richiesta estera di prodotti locali della regione Campania. Il consorzio, che raggruppa undici importanti imprese di maggior successo sul mercato italiano (Besana, Cafè do Brasil – Kimbo, D’Amico, Acetificio Marcello De Nigris, Fattorie Garofalo, Ferrarelle, La Doria, Oleifici Mataluni-Olio Dante, Icca, Pastificio Di Martino e Villa Matilde), vanta un fatturato aggregato di circa 1,2 miliardi di euro di cui il 40% proveninente dall’export.

 L’obiettivo del consorzio made in Campania è quello di sostenere le aziende nella commercializzazione dei prodotti sia al dettaglio e sia alla ristorazione con assistenza tecnica, organizzativa e commerciale attraverso progetti, studi di ricerca di mercato, organizzazione di eventi e partecipazione a fiere in tutto il mondo. Il primo importante appuntamento di Tradizione italiana sarà Gulfood, la più importante fiera del food in Medio Oriente che si terrà a Dubai dal 25 al 28 febbraio. Seguiranno altre manifestazioni fieristiche tra cui l’Hofex di Hong Kong, a maggio e l’Anuga di Colonia, ad ottobre. Il presidente del consorzio è Antonio Ferraioli, l’attuale amministratore delegato del gruppo La Doria, e tra i soci fondatori figura la Banca Popolare di Sviluppo che ha l’obiettivo primario di sostenere le imprese nella crescita del mercato internazionale.

(Fabio Pariante)

Share This Article

Related News

A Locri partono le conversazioni  2019 sulle novità del Museo
Giornata del Paesaggio: 150 eventi in tutta Italia
Chiara Fera e il “Libro invisibile di Pietro Citati”

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: