Wednesday, Dec. 19, 2018

“Il mondo che abiteremo” al Salone del Mobile di Milano

Written By:

|

aprile 10, 2013

|

Posted In:

“Il mondo che abiteremo” al Salone del Mobile di Milano

Photo by Alessandro RussottiDal 7 al 14 aprile, dopo la settimana della Moda, il capoluogo lombardo è tornato a farsi capitale globale della creatività con il 52o Salone Internazionale del Mobile, grande appuntamento annuale che, coniugando produzione industriale e tradizione artigianale, in questa speciale edizione accompagnata dallo slogan “A Milano, il mondo che abiteremo” e arricchita dai Saloni Euroluce, Complemento d’Arredo, Ufficio e Satellite -dedicato ai designer emergenti-, ha attratto migliaia di professionisti, buyers e appassionati da tutto il mondo.Photo by Alessandro Russotti

In particolare “Design e artigianato: insieme per l’industria” è il tema dei padiglioni 22-24 di Fiera Milano a Rho, dove si cerca di fondere insieme produzione industriale e tradizione dell’artigianato. Sono 700 i designer scelti da un prestigioso Comitato di Selezione composto da personalità di rilievo internazionale nel mondo del design, della progettazione e della comunicazione, mentre sono 17 le scuole internazionali che partecipano all’evento. L’entusiasmo e la creatività degli under 35 vengono premiati con il concorso SaloneSatellite Award: la vincitrice del primo premio di 10 mila euro messo in palio per il 2013 è l’italiana Tania Da Cruz, che ha presentato il progetto “Braque”.

L’obiettivo principale del SaloneSatellite è accompagnare i giovani partecipanti dalla fine dei loro studi agli inizi della carriera lavorativa, ponendosi come luogo ideale di incontro tra imprenditori e progettisti.

La rassegna, ospitata nei moderni padiglioni dell’area fieristica di Rho, ha registrato quest’anno più di 80 mila visitatori che, tra l’altro, grazie alla collaborazione tra il COSMIT e il Comune di Milano, negli stessi giorni hanno potuto anche accedere gratuitamente nei Musei Civici meneghini: il Museo del Novecento, a cui spetta il record di affluenza, il Castello Sforzesco, il Museo di Storia naturale, il Museo Archeologico, il Museo del Risorgimento, Palazzo Morando, la Galleria d’arte moderna e l’Acquario civico.

Un’occasione ottphoto Saverio Lombardi Vallauriima, dunque, per confermare Milano luogo d’incontro ideale tra “Industria, Design e Artigianato” in divenire, e promuovere le sue intramontabili bellezze storiche ricche di fascino e tradizione.

Laura Rubboli

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it