Tuesday, Jan. 18, 2022

Gallerie milanesi tra le due guerre

Written By:

|

Aprile 11, 2016

|

Posted In:

Gallerie milanesi tra le due guerre

PAL STEL

 

 

Quando la guerra imperversa gli artisti soffrono doppio. Perché sono sensibili e perché rivivono infinite volte, attraverso la loro attività creativa, queste laceranti ferite.

La mostra Gallerie milanesi. Tra le due Guerre, ospitata e organizzata, fino al 22 Maggio, dalla Fondazione Stelline di Milano, nei virtuosi spazi a corso Magenta, offre un inventario di prove di artisti di periodo post e pre-bellico. E attesta la fervida attività dei galleristi in quel momento di mezzo, tra un conflitto mondiale e l’altro.

Un’attività frenetica, a volte tribolata, ma sempre foriera di squarci di pensiero, punti di vista e prese di posizione. Gli artisti vogliono sempre far ascoltare la loro voce e proporre nuove correnti da seguire, un flusso di immagini, sinergie, movimenti d’opinione e culturali, che sono alle radici della nostra sensibilità e, ancora nella contemporaneità, riecheggiano per stimolarci al cambiamento alle riflessioni. E perché no? Alla ribellione attraverso il bello e il buono.

Dunque si possono ammirare maestri come Sironi, Martini, De Chirico, Rosai, Prampolini, ma anche Carrà, Medardo Rosso oppure Severini, Savinio Usellini o Wildt. Passando per Kandinskij o Widt. Un percorso che attesta il respiro internazionale di queste poetiche e dei suoi attuatori.

In parallelo coi creativi, dunque, i Galleristi di Milano. A partire da quelli storici, come Pesaro, Bardi, Scopinich, ma anche Micheli Gussoni Dedalo Salvetti e tante altre, hanno seguito in ogni palpito la vivacità creativa di quei cantori di modernità, offrendo spazi ricercati e terreni d’espressione liberi.

 

M S GALL MIL

Le gallerie stesse sono infatti memoria storica e archivio duraturo di questa temperie unica. Il curatore Luigi Sansone ha intessuto, in filigrana, una vera e propria storia dell’arte tascabile, in Italia, tra le due Guerre. Ha scolpito così nella nostra memoria, con l’aiuto dei quadri, ideali estetici e ambizioni etiche di tante correnti artistiche, come Astrattismo, Correntismo, Aeropittura o Futurismo. Da adesso in poi, grazie alla Fondazione Stelline, non sono più per noi teoriche inferenze da manuale, ma materia, movimento, pennellata, pigmento e modo di vedere e vivere.

Chiara Crialesi

GLA MIL

Share This Article

Related News

L’Astra Roma ballet celebra Dante
Safari, una mostra dedicata alla Giornata della Terra
Arianna, una passione diventata lavoro

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: