Monday, Dec. 17, 2018

Firenze, di scena la moda-bimbo

Written By:

|

giugno 30, 2013

|

Posted In:

Firenze, di scena la moda-bimbo

Si è concluso nel capoluogo toscano l’evento Pitti Bimbo n.77, il salone di riferimento internazionale per l’universo childrenswear.

Dal 27 al 29 giugno 460 collezioni, di cui 185 provenienti dall’estero, hanno richiamato un grande pubblico diviso tra visitatori e buyer.

 Alla Fortezza da Basso il tema-guida di questa 77.ma edizione è stato la moto: Vroom Pitti Vroom è infatti il nome del progetto a cura di Oliviero Baldini.

La passione per il mondo delle due ruote si traduce in uno stile di vita, ma anche in stile nel senso fashion del termine: borchie, denim, tessuti high-tech e pelle caratterizzano abiti e accessori appartenenti all’universo biker, per questa occasione realizzati in formato mini.

Per quanto riguarda la sperimentazione, New View è la sezione che raccoglie i marchi innovativi e le collezioni ad alto tasso creativo: oltre al kidswear sono presenti progetti speciali legati al mondo del design e dell’oggettistica, presentati, tra gli altri, da BYD, Anniel, Frugoo, Sonatina, La Bottega di Giorgia, My Little Dress Up, Zona Centro, Stella Cove, Fiabesca.

Sempre nella sezione New View, Corraini Edizioni presenta Cenerentola (Una favola alla moda), l’ultimo libro di Steven Guarnaccia che veste la favola di Cenerentola con abiti di alta moda.

EcoEthic, sezione dedicata alle aziende di tutto il mondo che utilizzano materiali biologici ed organici prodotti nel rispetto della natura, e che tutelano le produzioni locali e le piccole comunità, ha trovato spazio in una delle aree Pop Up Stores del Padiglione Centrale, dove è possibile trovare una selezione di accessori colorati e divertenti.

Apartment invece, è la sezione dedicata a marchi internazionali della moda bimbo che fanno ricerca sul luxury lifestyle contemporaneo, e che si rivolgono a un target di consumatori all’avanguardia. Per la sua decima edizione Ilaria Marelli si è lasciata ispirare dal fascino delle vegetazioni esotiche, intitolando appunto “Tropicalia” il sorprendente allestimento dell’edizione estiva di Pitti Immagine Bimbo.

Ma la Marelli ha creato anche il layout “Motocicletta 10hp”, in riferimento al tema di questa edizione: la passione e il senso di libertà che la moto riesce a suscitare sul pubblico di ogni età.

Sono numerosi i nuovi ingressi e i progetti speciali di questa edizione 2013: il lancio in anteprima mondiale della junior line di Dsquared²; la collezione di Versace Young per la prima volta in Fortezza; il lancio in anteprima della collezione Trussardi Junior prodotta da I Pinco Pallino.

Tra i progetti speciali che hanno partecipato per la prima volta al salone troviamo quelli di Please, Hape, Imperial, Little Marcel, Vingino, Nice Things mini, Cakewalk e allo&lugh.

Le presenze al Pitti Bimbo dei compratori esteri (provenienti da più di 60 paesi) vedono confermarsi al primo posto la Russia, con ottimi numeri anche da Inghilterra, Svizzera, Giappone, Germania e Medio Oriente.

I buyer italiani ed internazionali decretano il successo commerciale dell’evento: la qualità dell’offerta, la capacità di rinnovamento, l’impegno nello scoprire nuovi marchi e nuovi talenti fanno del Pitti Bimbo un importante osservatorio su tutte le tendenze lifestyle legate al mondo del bambino.

Laura Rubboli

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it