Sunday, Dec. 16, 2018

Civita di Bagnoregio, un tesoro nascosto candidato a Patrimonio dell’Umanità Unesco

Written By:

|

luglio 16, 2016

|

Posted In:

Civita di Bagnoregio, un tesoro nascosto candidato a Patrimonio dell’Umanità Unesco
Old town of Bagnoregio

Old town of Bagnoregio

Capita spesso, in Italia, di sottovalutare le meraviglie storiche e paesaggistiche, a volte un pò nascoste, che vivono nell’ombra delle grandi città storiche, ma che non sono meno interessanti o meno degne di nota.

È il caso di Civita di Bagnoregio, in provincia di Viterbo che, nonostante sia uno dei borghi più belli d’Italia, non è valorizzato come dovrebbe.

Si trova nella Valle dei Calanchi un’area situata tra il lago di Bolsena ad ovest e la valle del Tevere ad est, nel comune di Bagnoregio; costituita da due valli principali, il Fossato del Rio Torbido e il Fossato del Rio Chiaro, quest’area presenta una morfologia particolarissima, provocata dall’erosione e dalle frane, fenomeni molto comuni, dovuti soprattutto all’opera dei torrenti, degli agenti atmosferici e del disboscamento. Il territorio è costituito da due formazioni distinte: quella più antica è quella argillosa, di origine marina e costituisce lo strato di base, particolarmente soggetto all’erosione; gli strati superiori sono invece formati da materiale tufaceo e lavico.

Soprannominata “La Città che muore” proprio a causa delle continue frane, che mettono seriamente a rischio la sua sopravvivenza, Civita combatte per difendersi dalle calamità naturali.Civita-di-Bagnoregio 2

Affinchè questo pezzo di patrimonio storico e culturale italiano sia preservato, e il suo bisogno di manutenzione colmato, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha sollecitato un appello da rivolgere all’Unesco perché conceda a Civita e alla Valle dei Calanchi il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità.

L’appello è sostenuto da numerosissime personalità pubbliche, politiche e d’influenza culturale. La petizione, per essere presentata allUnesco, ha bisogno di raggiungere le 50000 firme.

Ognuno di noi, nel suo piccolo, può dare il suo contributo attraverso la pagina ufficiale.

Clara Cosenza

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza