Friday, Dec. 14, 2018

Carta di Milano: l’eredità più grande di Expo 2015

Written By:

|

febbraio 21, 2015

|

Posted In:

Carta di Milano: l’eredità più grande di Expo 2015

expo 2015 - bisQuarantadue tavoli di confronto di “Idee per Expo” sono stati allestiti il 7  febbraio all’ Hangar Bicocca per gettare le basi della “Carta di Milano” che nascerà con l’Esposizione Universale. Un protocollo per regolamentare e sottolineare il lato etico  di produzione e distribuzione alimentare. “Un’eredità –come l’ha definita il Ministro Martina – che detta impegni e responsabilità precise su tutti i principali temi della questione alimentare globale”, sottolineando quali siano problemi e soluzioni valide per ovviare ai moderni problemi legati al cibo, come de&mal-nutrizione.

EXPO 2015Sullo stesso tema si è incentrato anche il discorso del Presidente Mattarella, che ha detto: L’aumento delle diseguaglianze tra Paesi ricchi e popolazioni povere, in costante lotta per sopravvivere alla denutrizione, rende indispensabile l’adozione di un nuovo modello di sviluppo che modifichi questa inaccettabile tendenza. Il confronto e lo scambio di conoscenze ed esperienze nazionali ed internazionali che si rinnova in questa sede, punto di partenza per la futura sottoscrizione della Carta di Milano, rappresentano una preziosa opportunità per promuovere lo sviluppo di un’autentica cultura del rispetto e della tutela del Pianeta, fondata su una corretta educazione ambientale e alimentare”.

In quanto fondata su un diritto universale, la Carta sarà sottoscritta dai leader del mondo e consegnata al Segretario generale dell’ ONU Ban Ki Moon, che sarà in visita a Milano il prossimo 16 ottobre in occasione della giornata mondiale FAO. Un documento che rappresenta un impegno internazionale che ogni Stato dovrà affrontare per ovviare ad un problema che scaturisce da dinamiche sociali come povertà e indigenza. Un ostacolo che trova garanzie nella Carta che, anche se stipulata a Milano, parla tutte le lingue: Feeding the planet, Nourrir le planete, Nutrire il pianeta.

Giulia Coia

 

 

 

 

 

 

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza