Monday, Dec. 17, 2018

Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti

Written By:

|

settembre 17, 2013

|

Posted In:

Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti

Fino al 5 novembre 2013, Castel Sant’Angelo ospiterà la mostra “Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti”, allestita in occasione della trentaduesima edizione della Mostra Europea del Turismo e delle Tradizioni Culturali, dedicata ai vent’anni di collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato con il Centro Europeo per il Turismo.

 Le opere esposte, una novantina in tutto, sono reperti archeologici rubati o esportati illecitamente dall’Italia che, grazie a delle rilevanti attività di recupero, sono rientrate nelle loro sedi. Questi beni sono esposti insieme ad altre opere, simili per datazione, tecnica e materiale, allo scopo di permettere dei confronti che chiariscano e sottolineino il lavoro che è stato fatto su di esse.

Seguendo il percorso, sarà possibile rendersi conto del continuo pericolo di saccheggio a cui è sottoposto il patrimonio artistico italiano  e, allo stesso tempo, comprendere e apprezzare il lavoro scientifico e di ricerca che si nasconde dietro il ritrovamento dei reperti archeologici.

La mostra è organizzata in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il patrimonio Storico-Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma.

L’esposizione, curata da Mario Lolli Ghetti e da Maria Grazie Bernardini, è ospitata nelle sale di Clemente VII, di Clemente VII e di Apollo e della Giustizia, ed è suddivisa in nove sezioni tematiche.

Clara Cosenza

 

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it