Friday, Dec. 4, 2020

Appuntamento con la musica alle aperture notturne dei Musei Vaticani

Written By:

|

Luglio 7, 2013

|

Posted In:

Appuntamento con la musica alle aperture notturne dei Musei Vaticani

Anche quest’anno i Musei Vaticani apriranno le loro porte al pubblico la sera, tutti i venerdì dalle 19,00 alle 23,00 fino ad ottobre. Oltre ad architettura e storia, nel programma di quest’anno, è stata inserita una rassegna musicale chiamata ‘’Il bello del Sentire’’ nata da un accordo con La Venaria Reale e il Conservatorio statale di Torino. Quest’ultimo, nato nel 1886 come Istituto Musicale di Torino, divenne Regio Conservatorio di musica nel 1936. Nella sua Galleria si possono ammirare oltre centoventi strumenti musicali in gran parte restaurati e appartenuti a grandi nomi della liuteria italiana, come lo Stradivari Mond di Teresina Tua. Proprio gli allievi del Conservatorio torinese eseguiranno sinfonie di Brahms e Debussy, Beethoven e Respighi, Piazzolla, Mendelssohn ed altri compositori ai Musei Vaticani il venerdì e a La Venaria il sabato, per suggellare il gemellaggio artistico-culturale.

 La Venaria si presenta alle porte del capoluogo piemontese come un imponente complesso. Nel 1997 è stata promossa patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e, dopo essere stato il cantiere di restauro più rilevante per i beni culturali in Europa, nel 2007 è stata aperta al pubblico. Ad oggi, è definita ‘’progetto culturale permanente’’ . La sua proposta culturale non si limita ad un approfondimento sulla Casa Reale, ma si amplifica in un viaggio virtuale lungo tutta la Penisola.

L’idea di un progetto di natura ecoica nasce nella Stanza della Segnatura di Raffaello, dove un angelo alato invita ad osservare la contemplazione di Apollo nel Parnaso. Il dio della Poesia e della Bellezza suona la cetra circondato dalle Muse, poeti moderni e antichi vati in rappresentanza di tutte le arti. Sulla volta del tondo appare la frase ‘’Numine afflatur’’ (‘’è ispirato a Dio’’) volendo intendere che l’Arte in tutte le sue forme è ombra di Dio sulla terra.

I concerti vogliono riproporre questo incontro tra arte Figurativa e Musicale. Per un totale di 21, le esecuzioni spazieranno nello stile –dal Barocco, al jazz, alle composizioni Novecentesche- in base alla pertinenza del programma. Di volta in volta, i concerti si terranno in una diversa sala storica come il Museo Gregoriano Profano, il Salone di Raffaello, le Terrazze della Pinacoteca o il Cortile della Pigna. Diversi gli ambienti e gli scenari, ma unico il programma e l’obiettivo: sottolineare l’Arte con l’Arte.

Giulia Coia

Share This Article

Related News

Arte e pandemia: allo Spallanzani le “Mascherine della Vittoria”
A Roma un nuovo parco a tema con gladiatori e tour botanico
Giornata dell’Ambiente: Gran tour in Italia tra cultura e natura

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: