Wednesday, Dec. 19, 2018

AltaRoma: Il MAXXI incontra la moda

Written By:

|

luglio 12, 2013

|

Posted In:

AltaRoma: Il MAXXI incontra la moda

 Si è tenuto mercoledì 10 luglio al Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo l’incontro “Tra Roma e Milano: il futuro della moda italiana”, primo appuntamento del ciclo “Il MAXXI incontra la moda”, a cura di Clara Tosi Pamphili e Alessio de’ Navasques.

Chiusura simbolica dell’evento AltaRomAltaModa 2013, l’incontro ha analizzato il ruolo che ricoprono Roma e Milano per il settore Moda.

 Con esperti ed ospiti speciali, si è fatto il punto sulla crisi economica che ha colpito il paese, e sull’aiuto che le iniziative nel settore moda potrebbero dare ai giovani creativi italiani.

Ospite speciale della serata il fashion designer di fama internazionale Renato Balestra, che ha collaborato con il regista Alessandro Possati per la realizzazione del cortometraggio “Lost in Couture”, omaggio ai 40 anni di carriera dello stilista triestino e alla città di Roma.

Il film rappresenta una visione, un sogno, un racconto attraverso la tradizione dell’artigianato italiano, la fervida creatività del couturier e l’importanza dei nuovi mezzi di comunicazione per trasmettere e raccontare la bellezza della moda.

E di bellezza si è parlato soprattutto in merito alla città che ha ospitato l’evento, Roma, ancora troppo poco considerata all’estero per il settore Moda.

La stampa e i buyer stranieri vengono in Italia solo in occasione delle Fashion Week milanesi, che – commentano gli ospiti del MAXXI – propongono sempre gli stessi stilisti, le maison già conosciute, dedicando pochissimo spazio a nuovi volti o progetti.

A questo proposito, un importante evento proposto dalla capitale è “Who is on next?”, giunto alla 9ª e organizzato da AltaRoma con Vogue Italia, che ha come obiettivo la ricerca e la promozione di giovani talenti creativi del panorama nazionale ed internazionale.

A decretare i vincitori del contest (inizialmente dedicato solo alle collezioni femminili di abbigliamento e accessori, mentre dal 2009 anche a quelle maschili in collaborazione con Pitti Immagine e l’Uomo Vogue) una prestigiosa giuria internazionale di addetti ai lavori, oltre ai più attendibili players del mercato interno.

 L’Italia ha creato l’alta moda e la bellezza del lusso grazie alla storia e alla cultura che caratterizzano questo paese, e il luogo che meglio rappresenta questi due aspetti è senz’altro la città eterna.

Laura Rubboli

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

News

Agenzie di stampa, giornali, radio e tv non ignorano certo il tema della bellezza. La moda è sempre in primo piano, essendo un asset importante per il Paese. Anche il turismo nelle città d’arte gode di una buona copertura mediatica. Noi vogliamo, però, raccontare tutti gli aspetti e gli esempi dell’Italia migliore: quelli che fanno crescere il pil, ma anche quelli che fanno crescere il Paese facendolo uscire dal pessimismo e dallo sconforto perché sono esempi positivi di gente che non si arrende e non rinuncia. Segnalateceli a: news@lavocedellabellezza.it