Tuesday, Sep. 25, 2018

“Questioni di Famiglia”: vivere e rappresentare la famiglia oggi

Written By:

|

marzo 30, 2014

|

Posted In:

“Questioni di  Famiglia”: vivere e rappresentare la famiglia oggi

famigliaA Firenze, la  Fondazione Palazzo Strozzi ospita nell’omonimo Palazzo una mostra sulla Famiglia per definirla in chiave contemporanea. Moltissimi artisti internazionali – tra cui Guy Ben-Ner, Sophie Calle, Jim Campbell, John Clang, Nan Goldin, Courtney Kessel, Ottonella Mocellin, Nicola Pellegrini, Trish Morrissey-  hanno cercato e rappresentato immagini e strutture che raffigurassero  il nucleo fondamentale della società.

La riflessione della mostra si snoda su due front:  l’immagine della famiglia con i suoi lati nascosti e l’analisi delle  dinamiche che la caratterizzano. I video, le fotografie e le installazioni della mostra ricostruiscono questo concetto, unendo la biografia  degli artisti e  la ricerca del  significato collettivo alla  riflessione  su quegli aspetti culturali, morali, etici, biologici che la  definiscono e individuano come tale. Proprio per la moltitudine di visioni che questa mostra contiene, è stato pensato un catalogo bilingue contente anche testi di matrice sociologica,  che vedono la famiglia come luogo primario di socializzazione ed educazione, ma anche come luogo di disuguaglianza.

Ogni individuo ha una propria esperienza di famiglia, ma tale concetto si è trasformato nel corso dei secoli insieme all’evoluzione della società segnata da fenomeni come tassi nascita, ruoli della donna e condizioni economiche dei Paesi. Quanto influiscono i cambiamenti sociali –endogeni ed esogeni- sulla costruzione di una famiglia? Certo è che essa rappresenta il “nido”  in ogni angolo della terra. E proprio per questo va salvaguardata.

Giulia Coia

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *