Friday, Jul. 20, 2018

Officine Pratesi: laboratorio del ‘400, da Donatello a Lippi

Written By:

|

novembre 6, 2013

|

Posted In:

Officine Pratesi: laboratorio del ‘400, da Donatello a Lippi

Fino al prossimo 13 gennaio Prato ci rimanda nel 1400, secolo in cui divenne laboratorio e punto di ritrovo   per grandi artisti come Donatello, Michelozzo, Maso di Bartolomeo, Uccello e Lippi: tutti coinvolti, in qualche modo, nella creazione degli affreschi del Duomo di Santo Stefano. La mostra, in onore della quale è stato riaperto dopo 15 anni Palazzo Pretorio, ospita oltre 60 opere provenienti da tutto il mondo che si accostano a quelle conservate nei musei della città. L’esposizione si articola in sette sezioni, la prima delle quali non poteva che essere dedicata a Donatello. Alla sua gioventù, in particolare, durante cui usò prevalentemente la terracotta, come dimostrano il tabernacolo e la formella della Creazione di Eva probabilmente proveniente da un cassone ritraente la storia della Genesi.

Al ‘’leggiadro e capriccioso ingegno’’ (Vasari) di Paolo Uccello è stata dedicata una mostra monografica, dove ai lavori pensati per la cappella dell’Assunta si aggiungono delle tavole dal gusto tardogotico provenienti da Oxford, Melbourne, Karlsruhe e Allentown. Anglofona anche la terza sezione che ospita la pala proveniente da Dublino, dalla luminosità più rinascimentale che gotica, a cui lavorarono  Zanobi Strozzi e Domenico di Michelino.

Altra personalità importante del quindicesimo secolo fu Fra Filippo Lippi, che visse a Prato dal 1452 al 1465 sotto la protezione dei Medici. In questo periodo, oltre a lavorare agli affreschi della cappella Maggiore di Santo Stefano, l’artista divenne cappellano del convento di Santa Margherita e dipinse la Lippina, ora conservata negli Uffizi di Firenze: la prima delle tante opere incentrate sul rapporto Madre-Figlio tra la Vergine e il Bambino.

Tra i collaboratori più stretti di Lippi troviamo Piero di Lorenzo, a cui si attribuisce la Natività di Castello, e Fra Diamante, protagonista della sesta sezione, sì fedele al maestro ma ormai incline a una pittura più avanzata come quella del Verrocchio fatta di luci terse e dinamiche.

Filippino, nato dalla relazione clandestina tra Lippi e la monaca Lucrezia Buti, ereditò il talento del padre. Fu autore del tabernacolo del Mercatale -ricco di elementi di arte antica e restaurato da Leonetto Tintori alla fine della seconda guerra mondiale- e della pala dei primi anni del 1500 per la sala dell’Udienza del Palazzo dei Priori. All’età di 14 anni Filippino entra nella bottega di Botticelli, grande allievo di suo padre, e ne trae molti insegnamenti. Per questo a ‘’l’amico Sandro’’ è stato riservato l’onore di chiudere l’esposizione con una sua opera: il Crocifisso sagomato, conservato nella Chiesa pratese di San Vincenzo.

 Giulia Coia

 Fonte: www.officinapratese.com

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *