Wednesday, Nov. 21, 2018

Humus park, gli artisti della terra

Written By:

|

giugno 3, 2016

|

Posted In:

Humus park, gli artisti della terra

humus-park-2016-1000x1000-1Unico nel suo genere, Humus Park rappresenta l’esperienza artistica ecosostenibile per eccellenza. La sola mostra dove la Natura è la materia prima per realizzare le opere ma anche museo a cielo aperto che le ospita. Gli artisti scoprono, scelgono, lavorano, modellano e creano “in e per” il luogo dove l’opera nasce, per poi morire poco dopo, restituita al territorio da cui era emersa dal lento lavoro degli agenti atmosferici.

Per la quinta edizione della kermesse naturale i due curatori, Gabriele Meneguzzi e Vincenzo Sponga, tra i massimi esperti oggi in Italia di Land Art, tornano alle origini, nel Parco del Seminario che nel 2008 ospitò la prima edizione dell’Internation Land Art Exposition. Insieme all’isola verde racchiusa tra due rami del fiume Noncello, anche il Palù di Livenza e il Parco del Museo Archeologico di Torre a Pordenone si trasformano in spazio espositivo. Tre parchi caratterizzati da una ricca vegetazione e da acqua pura, portatori ciascuno di un pezzo di storia del territorio della Provincia di Pordenone e della Regione Friuli Venezia Giulia, entrambe promotrici dell’iniziativa.

80 gli artisti all’opera che, secondo le rigide regole del gioco, realizzano le loro forme artistiche ricorrendo humus-park-2016-palu-di-livenza-21esclusivamente a materiali naturali reperiti sul posto: rami, foglie, sassi, terra, alberi, cespugli, rovi, zolle, erba, acqua, vento. Nel corso del mese di maggio gli artisti, italiani e internazionali provenienti da ogni dove (California, Francia, Gran Bretagna, Kazakistan, Lituania, Olanda, Polonia, Portogallo, Russia, Slovenia, Sud Africa, Svizzera, Ungheria) hanno lavorato in coppie, ciascuna assegnata ad un’area specifica, realizzando impressionanti strutture e affascinanti forme (foto dal sito della manifestazione), inserite in una natura spettacolare, che le valorizza e fa loro da contraltare. Se vi siete persi gli artisti in azione, potete sempre passeggiare attraverso queste gallerie “en plein air” per ammirare le straordinarie opere finché Madre Natura non se le riprenderà .

Camilla Cipolla

Info: www.humuspark.it

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *