Monday, Dec. 17, 2018

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019

Written By:

|

novembre 20, 2018

|

Posted In:

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019

Scavare fossati – nutrire coccodrilli questo il titolo della prima personale dell’artista aretino al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019. Un’occasione per conoscere le mille sfaccettature di Zerocalcare ad oggi dominante sulla scena italiana. Reduce dal recente successo ai botteghini per la prima pellicola tratta da un suo best-seller – La profezia dell’Armadillo – l’artista, romano d’adozione, è l’emblema di una controcultura che grazie a lui è divenuta paradossalmente mainstream.

Il catalogo  è più propriamente un compendio del “Calcare pensiero”, l’allestimento espositivo si ispira all’Armadillo, il celebre personaggio, protagonista di quasi tutte le sue strisce e i suoi libri, coscienza e alter ego dell’artista: “all’interno di un’avvolgente struttura che evoca le forme curve dell’animale – la scocca del mammifero a forma di fagiolo rovesciato – si aprono infatti le quattro sezioni in cui è organizzata la mostra, Pop, Tribù, Lotte e Resistenze, NonReportage“. Per usare le parole della curatrice Giulia Ferracci.

 La stessa Ferracci spiega il focus della mostra: “l’idea è stata di raccontare il lavoro di Michele Rech, non attraverso una presentazione cronologica o monograficamente antica, ma di attraversare i suoi temi che dipingono l’affresco della contemporaneità“.

In esposizione poster, illustrazioni, copertine di dischi, tavole originali dei suoi nove libri, magliette, loghi, etichette e un lavoro realizzato appositamente per l’occasione.

Zerocalcare è la punta di diamante della scena indipendente italiana, sempre più ampia e diffusa, con i suoi festival e manifestazioni dedicate. Le radici di Rech sono proprio queste, Forte Prenestino e gli scenari dei centri sociali, dei concerti punk, da lì proviene lui come molti altri fumettisti, musicisti, videomaker e street artist, con l’obiettivo di creare qualcosa di diverso.

L’artista stesso spiega: “in qualche modo la mia paura era di stare sovradeterminando una comunità che è vasta, frastagliata e quindi composta da sensibilità anche molto diverse. Chi mi ha chiesto il manifesto 15 o 18 anni fa, mai avrebbe pensato che dal ponte di Quarto Oggiaro sarebbe finito illuminato da un faretto in un museo di Roma Nord. Quindi ho cercato di rendere questo passaggio il più orizzontale possibile”. 

Non solo sono state chieste le autorizzazioni ai diretti interessati per esporre i manifesti che li riguardavano, ma anche chi ha lavorato alla mostra ha rispettato la storia di quella comunità “senza cercare di nascondere o edulcorare, e di spettacolarizzare nulla, e questo penso sia il valore aggiunto di questa mostra”, dichiara sempre Zerocalcare.

Un’occasione per conoscere Zerocalcare e la controcultura che porta con sé, che siate estimatori o meno del fumetto, una finestra per affacciarsi su di un panorama, per alcuni poco familiare e sconosciuto, che vale la pena di essere osservato, qualunque sia la vostra opinione in proposito.

Natalia Sacchi

INFO

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Via Guido Reni 4 A, 00196 Roma
Spazio EXTRA MAXXI
Orari: martedì, mercoledì, giovedì venerdì, domenica 11.00- 19.00; sabato 11.00-22.00; chiuso il lunedì. Ingresso consentito fino a un’ora prima della chiusura
Biglietti
10 € biglietto dedicato mostra Zerocalcare
15 € biglietto intero mostra Zerocalcare + ingresso MAXXI (dal 21 novembre)*
12 € biglietto ridotto mostra Zerocalcare + ingresso MAXXI 
*dal 10 al 20 novembre 2018 ingresso mostra Zerocalcare + ingresso MAXXI 12 € 
Ingresso gratuito per i possessori della card myMAXXI, l’abbonamento che consente l’ingresso illimitato per un anno (€25: myMAXXI Young fino a 30 anni e myMAXXI Senior per gli over 65; 
€ 50 MyMAXXI Individual; € 90 myMAXXI Family and Friends, per 2 persone)

 

 

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza