Wednesday, Dec. 19, 2018

“Giovani Spazi”: visioni e idee per creare lavoro e bellezza

Written By:

|

giugno 15, 2013

|

Posted In:

“Giovani Spazi”: visioni e idee per creare lavoro e bellezza

Si può valorizzare la bellezza del nostro Paese, delle nostre città, dei nostri spazi vitali e, al tempo stesso, creare lavoro? Si può: accantonando una mentalità culturale non adatta a tempi di crisi. Amministrazioni, enti locali, imprenditori e privati possono e devono rappresentare una preziosa fonte di sinergie da cui ‘estrarre’ ciò che vorremo e sapremo offrire alle future generazioni.

Un primo concreto esempio di quello che si può fare  si vedrà martedì 18 giugno 2013 al MAXXI di Roma, dalle ore 18: il presidente di Inarcassa Paola Muratorio, insieme al Presidente del museo Giovanna Melandri, al Sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari e all’Assessore Infrastrutture e Ambiente della Regione Lazio Fabio Refrigeri, premieranno i vincitori del concorso di idee ‘Giovani Spazi’, dedicato agli architetti e ingegneri liberi professionisti under 35, con la partecipazione straordinaria del maestro Giorgio Albertazzi (anche lui architetto in gioventù).

Bandito per la ristrutturazione e riqualificazione delle aree esterne della sede della Cassa, il concorso ha visto la partecipazione di oltre 100 progettisti di tutta Italia. Per i primi tre classificati riconoscimenti complessivi per oltre 22.000 euro e per i vincitori l’incarico per la progettazione delle opere.

Con  il concorso di idee Giovani Spazi Inarcassa ha voluto cogliere lo spirito dei tempi e dare avvio – attraverso un intervento di ‘microchirurgia estetica’ sui suoi spazi esterni, sui percorsi di collegamento della Sede, e sugli spazi di accoglienza – ad un modello vincente di sviluppo. Ha voluto affidare allo sguardo visionario dei giovani associati i suoi futuri spazi di accoglienza, il suo biglietto da visita. Quindi, rispondendo alla domanda iniziale, si può: dando fiducia ai nostri giovani architetti e ingegneri che oggi si avviano alla professione tra mille difficoltà.

I progetti premiati non sono però esaustivi di un panorama ricco di sfumature e di interesse, che merita attenzione, ed una committenza consapevole e coraggiosa. Dall’altra parte, dalla parte dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro, questa consapevolezza c’è. Vale la pena leggere quanto scrivono  Davide Gambino e Sebastiano Provenzano, terzi classificati, nella loro relazione tecnica. “La specifica condizione economica e sociale italiana ed europea nella quale viviamo in questo momento storico ha imposto una radicale modifica della frequenza e della tipologia delle occasioni professionali con le quali specialmente i giovani progettisti sono chiamati a confrontarsi. La dimensione più frequente nella prassi professionale, almeno in Italia, non è più legata al fare quanto piuttosto al ri-fare, al trasformare, al riscrivere. Alla luce di questo quadro il progettista, e quindi le scuole che formano i giovani architetti, si devono adattare alla realtà e sforzarsi di adeguare i propri paradigmi disciplinari alle condizioni del reale. Gli architetti delle nuove generazioni sempre meno saranno chiamati a realizzare nuovi edifici, la loro prassi professionale si rivolgerà quasi unicamente alla riscrittura dell’esistente. Un ambito di indagine progettuale quest’ultimo che estende la propria azione a tutte le scale proprie dell’intervento architettonico e urbano. Riscrittura degli spazi pubblici, di un prospetto malandato, riscrittura di un organismo funzionale mal disposto e mal costruito. Il tema di concorso su cui Inarcassa ha chiesto ai propri giovani iscritti di contribuire con una riflessione rientra appieno in questo scenario.”

(c.m.)

 

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it