Friday, Dec. 14, 2018

Tiradritto.org: la forza della parola contro i fortini della droga

Written By:

|

marzo 22, 2013

|

Posted In:

Tiradritto.org: la forza della parola contro i fortini della droga

“Occupiamo i fortini della droga”: è questo il messaggio lanciato il 27 marzo da Tor Bella Monaca da Paolo Berizzi, inviato di Repubblica e autore del volume “La Bamba” con Antonello Zappadu, e da Elsa Di Gati, giornalista di RaiTre, che hanno dato vita a “TiraDritto® – Stop cocaina”, una campagna che intende sensibilizzare l’opinione pubblica in merito ad un argomento che troppo spesso sentiamo lontano da noi e che invece ci cammina accanto. Alla base del progetto l’idea di usare come arma la parola per diffondere un messaggio positivo nelle roccaforti dello spaccio di droga. Spazi questi che, per un giorno, vengono “occupati” con dibattiti pubblici ai quali intervengono rappresentanti delle istituzioni, personaggi della politica, della cultura, dello spettacolo, del giornalismo, operatori sociali, medici, mondo del volontariato e dell’assistenza, semplici cittadini, tutti coloro che manifestano la volontà di denunciare una piaga sociale costantemente sottovalutata.

Prima tappa del tour la capitale e quel quartiere ormai assimilato a Scampia per la quantità di droga che viene spacciata che è appunto Tor Bella Monaca. Anche se, contrariamente a come troppo spesso fa comodo pensare, non è un problema solo di questo quartiere. E’ un problema che interessa tutta la città, in modo particolare i Municipi XIII, I e VIII. Secondo una recente ricerca effettuata conla Sapienza, su un campione di 49mila unità, è risultato che “solo” il 32% ha fatto uso almeno una volta nella vita di sostanze stupefacenti. E la maggior parte ha fatto uso di cannabinoidi. Un dato “confortante”, perché  evidenzia una riduzione dell’uso della cocaina. Basta confrontare l’Italia con l’Europa: nella media europea il 4,3% della popolazione usa cocaina, con un picco massimo in Spagna; a Roma “solo” il 3,2% fa uso di cocaina.

Ma le notizie positive non finiscono qui: l’uso di cocaina negli ultimi tre anni, soprattutto in Italia, è in calo. Si riduce la cocaina e aumenta l’uso di altre droghe? Sembra di no, visto che si evidenzia anche un calo nell’uso dell’eroina. Insomma: i consumi si stanno contraendo. E forse dobbiamo ringraziare la crisi.

Ma basta sentire chi ha a che fare con la droga tutti i giorni per capire che le cose, al di là dei numeri, non sono così positive.

Ce lo fa comprendere il fondatore di Villa Maraini, una realtà importante di Tor Bella Monaca, punto di riferimento per chi vive il disagio della droga, per chi è disperato, per chi rischia di morire ogni giorno di overdose o a causa di infezioni. Massimo Barra, fondatore della comunità, si è detto felice dell’iniziativa, senza nascondere il timore di essere nuovamente “abbandonato” una volta spenti i riflettori. Ma a non far spegnere le luci ci dobbiamo pensare anche noi giornalisti, dando voce alle necessità quotidiane di questi luoghi di frontiera. Dopo Tor Bella Monaca, l’appuntamento, tra un mese, sarà a Scampìa, la piazza di droga più grande d’Europa.

Per seguire il tour: www.tiradritto.org

Angela Iantosca

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it