Monday, Dec. 17, 2018

Noir pop e raffinatezza, dal 18 al 28 ottobre al via la XII Festa del Cinema di Roma

Written By:

|

ottobre 13, 2018

|

Posted In:

Noir pop e raffinatezza, dal 18 al 28 ottobre al via la XII Festa del Cinema di Roma

Il noir è il genere principale delle pellicole di questa tredicesima Festa del Cinema di Roma. Ironico e sorprendente è “Bad Times at the El Royale” – pellicola d’apertura – scritto e diretto da Drew Goddard che a partire dall’icona del suo manifesto immortala il mitico Ispettore Clouseau di Peter Sellers. 

“Una maratona di assoluto divertimento” secondo Laura Delli Colli, alla guida della Fondazione CInema per Roma.
 
La Festa 2018 dal 18 al 28 ottobre – circa 3,5 milioni di euro di budget – rilancia una struttura analoga a quella sperimentata nei primi tre anni della direzione Monda: la Selezione Ufficiale che ospita 38 film, gli Incontri Ravvicinati con autori, attori e protagonisti della cultura italiana e internazionale, Retrospettive, Restauri, Omaggi e numerosi altri eventi (accanto alla Festa, come sezione autonoma e parallela, Alice nella città organizza, secondo un proprio regolamento, una rassegna di film per ragazzi). 
 
Il red carpet si vestirà di rosa, su tutte Cate Blanchett.
Alto il livello dei titoli in rassegna, in prima mondiale “Millennium: Quello che non uccide” e da “Mia et le Lion Blanc”. Il numero di film italiani è più nutrito che in passato, sia per quanto riguarda la selezione ufficiale che per le altre sezioni.
 
Numerosi gli omaggi, sia ad artisti in piena attività come Adriana Asti e Flavio Bucci, in altri a coloro che purtroppo ci hanno lasciato: Carlo Vanzina, Nelson Pereira Dos Santos, Claude Lanzmann, Milos Forman, Ermanno Olmi e Vittorio Taviani. Due i Premi alla Carriera: a Isabelle Huppert e a Martin Scorsese (tra gli eventi che vedranno protagonista il cineasta, la presentazione della versione restaurata di “San Michele aveva un Gallo” di Paolo e Vittorio Taviani). 
 
 
A chiudere ecco di nuovo il noir: Mondiali di Italia 90 come cornice, è la notte dell’eliminazione degli Azzurri con l’Argentina di Maradona. Un noto produttore cinematografico viene trovato morto nelle acque del Tevere. I principali sospettati dell’omicidio sono tre giovani aspiranti sceneggiatori, chiamati a ripercorrere la loro versione al Comando dei Carabinieri. Eccovi servito “Notti Magiche” di Paolo Virzì, noir nostrano dalle ottime premesse.
 
 
Natalia Sacchi

Share This Article

Related News

Il mondo femminile a Cori, un monastero aperto al mondo
Aquileia: archeologia, arte e storia nel periodo medievale
“Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione”, ciclo di conferenze a Melfi, Monreale e Perugia

About Author

La Voce della Bellezza