Wednesday, Nov. 21, 2018

Venezia e la laguna vincono il bando per i ’’Beni Invisibili’’

Written By:

|

novembre 15, 2013

|

Posted In:

Venezia e la laguna vincono il bando per i  ’’Beni Invisibili’’

Dal 2011 la Fondazione Telecom Italia indice un bando per finanziare progetti di valorizzazione di Beni Invisibili che non dimorano nei musei e sono quindi chiusi e invisibili al pubblico. Il vincitore del 2013 è il progetto ‘‘Altino, Torcello. Dolci e salate. L’acqua alle origini di Venezia’’ ideato del Metadistretto Veneto dei Beni Culturali.

La laguna è stata palcoscenico della storia da cui ha preso origine la dominante e  Serenissima Repubblica di  Venezia. Il capoluogo veneto ha racchiuso in un progetto ambiente, storia, commercio, migrazioni, religione scavi e tutela del suo territorio proponendone la scoperta all’interno di una pagina web  e in  sistemi tecnologici come postazioni interattive, percorsi a codici QR e App installati presso i siti. Il visitatore sarà immerso in un percorso  interattivo di Altino e Torcello, della loro evoluzione e decadenza dai primi secoli a.C. fino a tutto il Medioevo.

È proprio ad Altino -prima centro paleoveneto, poi  municipum romano e  luogo di culto paleocristiano fino al suo trasferimento a Torcello- che ha avuto origine la cultura veneziana. Torcello, divenuto nel V sec  rifugio per coloro che dalla terraferma fuggivano alle invasioni barbariche, costituisce infatti il primo insediamento in laguna. La storia dell’isola, il cui periodo più fiorente va dal X al XIV secolo, è descritta nel Museo Provinciale che conserva reperti paleoveneti, romani e medievali e  testimonianze provenienti chiese distrutte; dalla cattedrale di Santa Maria Assunta -inizialmente edificata nel 639 e ricostruita nel 1008- preziosa per gli splendidi mosaici bizantini e per la vista sulla laguna che offre il suo campanile; e dalla chiesa di Santa Fosca, raro esempio italiano di martyrion del XIII secolo.

Il progetto vuole essere una riscoperta delle straordinarie testimonianze storico-artistiche, siano conoscenza di tradizioni, saperi, usi e costumi tramandati,  o concrete come il processo di reimpiego di materiali altinati presso Torcello, Venezia e il suo ambito territoriale.

(g.c.).

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *