Tuesday, Aug. 21, 2018

Torino, dove l’arte e la cultura producono Pil

Written By:

|

luglio 8, 2012

|

Posted In:

Torino, dove l’arte e la cultura producono Pil

Puntare sulla cultura, sull’arte, per aumentare il pil, il prodotto interno lordo, è la carta vincente – sull’esempio delle città europee – di molte città italiane, che un tempo erano conosciute soltanto per i successi dell’attività industriale. Non è un caso che nella corsa all’affare cultura, il primato italiano spetti a Torino, città industriale per eccellenza. Secondo quanto emerge dal rapporto Citymorphosis,  sulle politiche culturali delle città europee curato da Marco Cammelli e Pietro A. Valentino per l’Associazione Civita, la città sabauda non è più solo Fiat. Favorita dall’aver ospitato grandi eventi, come le Olimpiadi invernali e le cerimonie per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, è diventata una delle capitali culturali italiane potendo vantare la riqualificazione del Lingotto, la nascita di nuovi musei, come quelli del Cinema e dell’Auto, e il recupero di Venaria Reale.

Se nelle grandi città d’arte, Roma, Firenze, Venezia, il turismo culturale rimane basato su rendite di posizione, pur elevate, è da centri minori che arrivano note incoraggianti. Va citato il successo di Mantova, dove il Festivaletteratura registra ogni anno 64mila presenze, più circa quarantamila nelle collegate manifestazioni gratuite. A Sarzana, il Festival della Mente ha attirato l’anno scorso più di quarantamila visitatori. Vanno citati anche Salerno, per la riqualificazione urbana affidata a grandi architetti, e Rovereto per il Mart, il “museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto”.

 

(Nicola Commisso)

Share This Article

Related News

Locri, festival del teatro classico nel Parco Archeologico tra mito e storia
Sul Tevere l’ultimo mistero di Roma Antica: marmi e tombe a Ponte Milvio
Kaulon: apre al pubblico ad agosto il mosaico pavimentale della Sala dei draghi e dei delfini

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *