Tuesday, Sep. 25, 2018

Teatro in PDF, da Grottammare “Pillole di felicità”

Written By:

|

marzo 20, 2016

|

Posted In:

Teatro in PDF, da Grottammare “Pillole di felicità”

ass. Numeri 11Loro non sono numeri uno. Perché hanno scelto di essere Numeri 11 e con questo nome nel dicembre 2015 hanno battezzato la neonata associazione culturale teatrale dandone i natali a Grottammare.

Sono tutti attori professionisti che nella perla dell’Adriatico hanno percepito l’aria giusta per salpare con il un progetto di teatro luminoso, studiato ad hoc per il pubblico e gli spazi scenici del territorio.

I numeri uno riuniti, come numeri primi che affiancati generano un altro numero primo, sono gli attori-autori Gennaro Apicella, Lucio De Francesco, Valentina Illuminati, Marisa Grimaldo e  Andrea Illuminati, compositore e musicista.

Il varo dei Numeri 11 sarà il 20 Marzo con il primo spettacolo della rassegna Teatro in PDF, lì dove pdf è acronimo di Pillole di Felicità. “Piccoli momenti di felicità condivisa con leggerezza e attualità”.

Un manifesto programmatico che rivendica nella sua ispirazione l’intenzione di portare sorrisi, e riflessioni tra presente e passato. D’altronde questa è l’ironia innata nell’Associazione Numeri 11. Chi vorrebbe sentirsi dare del numero 11? Il nome nasce da uno scherzo tra amici, autoironia per esorcizzare il narcisismo.

Ma è proprio l’accostamento di due numeri 1 che può dare vita al teatro. La scena è una polifonia che senza dialogo tra le parti e sinergia di poetiche non può avere respiro.

Quindi i Numeri11, con la loro iniziativa, ci ricordano che il teatro è vita e che è vita “insieme”. Sono talenti delle scene contemporanee quelli che calcheranno Teatro delle Energie, la Sala Kursaal o il Teatro degli Aranci, ma nel DNA di ogni uomo di palcoscenico riecheggia l’antica vocazione del teatro ai tempi della sua nascita. Nella civiltà greca era a teatro che la comunità trovava se stessa, nell’incontro con i grandi autori, nel dipanarsi dei drammi e nell’esplosione della catarsi liberatoria.

Il programma di PDF è ricco, vario e studiato per testare gradualmente il gusto e il sentimento del pubblico locale. Si parte con Miriàm. Storia laica di una nascita annunciata, con testi liberamente tratti da E. De Luca, A. Merini, P. Neruda e M. Gualtieri. Poi dal 2 Aprile sarà la volta del reading teatrale Parole suonate di e con Antonio Marino, Lucio De Francesco, Valentina Illuminati e con le musiche di Andrea Illuminati. Nella Sala Kursaal l’8 aprile Per una A’ sarà spettacolo sperimentale per adulti e bambini che richiede l’intervento attivo della fantasia del pubblico. Gli autori Valentina Illuminati e Marisa Grimaldo hanno inventato una favola sulla felicità che per svolgersi avrà bisogno di un po’ di felicità di tutti i partecipanti, invitati a portare nel testo teatrale le loro felici avventure.

Sempre nella Sala Kursaal Rebecca sarà prova di teatro interattivo per bambini, in cui i protagonisti della favola, due bambini innamorati di un tenero sentimento, potranno suggellare il loro affetto solo grazie al sostegno che i bambini presenti in sala sapranno dare nelle sfide d’amore da sostenere.

Il gran finale di Teatro in PDF porta in scena il capolavoro-testamento di Molière Il malato immaginario negli spazi del Teatro delle Energie. La messinscena della geniale commedia nasce dalla contaminazione tra testo originale e adattamento cinematografico di Tonino Cervi, nel rispetto della vena farsesca dell’opera e con inserto di citazioni pop ed elementi del linguaggio dialettale.

Modernità e tradizione s’incontrano dunque a Grottammare, dando vita a interessanti spazi teatrali, ognuno valorizzato nella sua peculiarità e con costi accessibili,nonché promozioni speciali per quanti vorranno acquistare un abbonamento per l’intera rassegna.

L’iniziativa vanta il taglio del nastro da parte del sindaco di Grottammare, Enrico Piergallini, che tanto ha fatto e ancor più sta realizzando per arricchire di spunti culturali l’aria salmastra della cittadina.

I Numeri 11 tenteranno di restituire la felicità ai loro spettatori, invertendo la tendenza per cui Il teatro sarebbe una forma di felicità interrotta dall’esistenza. Mancare l’appuntamento con Pillole di felicità significherebbe mettere in ombra ciò che di bello la giovinezza dei talenti Numero 11 ha da donare. Perché non andare a teatro è come far toeletta senza uno specchio.

 

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *