Wednesday, Oct. 17, 2018

Storie di soldati al Museo della Guerra di Rovereto

Written By:

|

dicembre 29, 2016

|

Posted In:

Storie di soldati al Museo della Guerra di Rovereto

img_20161210_120023Fino al 22 gennaio il Museo storico italiano della Guerra, a Rovereto, ospita, a 60 anni da quella grave crisi, la mostra “Suez 1956”. Allestita nel Torrione Malipiero, è una selezione – ben organizzata e presentata – di immagini conservate in un fondo dell’archivio fotografico del Museo, dedicato agli anni della Guerra Fredda.

C’è tempo invece solo fino al 31 gennaio per vedere la  mostra “Morire per Trento. Soldati italiani ed austroungarici sul fronte trentino della Prima Guerra Mondiale”, che racconta, con documenti e reperti, la vita delle truppe sul fronte. Il calendario completo delle mostre in programma nel 2017 si trova  sul sito www.museodellaguerra.it.

img_20161210_120009In occasione delle festività il Museo rimane aperto anche lunedì 2 gennaio con il consueto orario dalle 10 alle 18.
Apertura continuata fino a domencica 8 gennaio sempre con il medesimo orario continuato.img_20161210_120745

Il museo, mostre a parte, è comunque veramente ben allestito e merita una visita. Si trova all’interno del Castello di Rovereto, fortezza quattrocentesca costruita dai veneziani (l’unica in Trentino) ed è nato nel 1921 per documentare la Grande Guerra, vissuta qui da cittadini e militari. Di recente è stato aperto un nuovo percorso che porta i visitatori alla scoperta di torrioni e cunicoli. Da maggio a ottobre è visitabile la sezione “artiglierie della Grande Guerra”. Nel Torrione Marino è esposta una collezione di armi di età moderna (XVI-XVIII secolo), mentre nel Torrione Malipiero si trovano armi e strumenti di guerra dalla preistoria al Medioevo. Interessante anche la sezione di piatti commemorativi (garibaldini e non solo). Aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 18 (a pagamento; gratis per i turisti ospiti di alberghi per almeno due notti muniti di apposita carta). tel. 0464.438100.img_20161210_121306

Chi è interessato, comunque, alla Grande Guerra non può rinunciare al percorso in Vallagarina: sui monti Pasubio, Zugna, Baldo e in val di Gresta sono ancora visibili molte tracce di trincee e postazioni militari da raggiungere con suggestive escursioni sul sentiero della Pace. Presso il bookshop del museo e  in quello dell’Azienda per il Turismo di Rovereto si può acquistare la mappa escursionistica.

r.a.

Share This Article

Related News

La “Grande Maternità” donata alla Galleria Nazionale di Cosenza
Noir pop e raffinatezza, dal 18 al 28 ottobre al via la XII Festa del Cinema di Roma
Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *