Saturday, Apr. 21, 2018

Rita Valenzuela, il tempo di uno sguardo in uno scatto

Written By:

|

gennaio 31, 2018

|

Posted In:

Rita Valenzuela, il tempo di uno sguardo in uno scatto

Non solo ritratti ma molto di più: emozioni, sensazioni e bellezza sono questi gli elementi che caratterizzano la prima mostra fotografica della giornalista Rita Valenzuela. Esposti dal 19 al 21 gennaio 2018 nell’Hotel Napoleon di Roma, venticinque ritratti, ognuno accompagnato da una frase originale di chi ha condiviso le proprie sensazioni.

Per le frasi sono state scelte persone di diversi ambienti culturali e sociali: giornalisti, insegnanti, casalinghe e studenti, ai quali è stato posto davanti uno dei ritratti. Ciascuno proietta nell’immagine la propria esperienza tramutandola in emozione. Come dice Rita Valenzuela, “ognuno di noi davanti ad una fotografia, in maniera personale, prova le proprie sensazioni. Ciò che conta è avere dentro di sé qualcosa da dire, ognuno ha percezioni diverse ma ciò non esclude la possibilità di accordo e di armonia”.

I soggetti dei ritratti, di varie età e con differenti caratteristiche fisiche, hanno posato per la prima volta davanti ad una fotocamera, le loro reazioni sono spontanee ed esprimono al meglio la loro bellezza.

Il progetto, come l’autrice racconta, ha come obiettivo la sensibilizzazione verso l’altro: “Un attimo di tempo per guardare chi ci sta attorno e percepire le sue sensazioni. Comunicare attraverso lo sguardo è possibile. La riflessione nasce a partire dalle immagini di violenza e tragedia che le TV ogni giorno trasmettono: perché si arriva a tanto?”.

Il ritratto di Angel Alberto De lo Santos irrompe con tutta la sua rabbia, dal solo sguardo chi osserva comprende un disagio: “Perché non vederlo prima? Perché aspettare che accada qualcosa di brutto? Capita spesso di guardare ma di non vedere. Donare del tempo, osservare e provare a capire ciò che sente chi ci sta intorno migliorerebbe la nostra vita e quella degli altri”. Ognuno ha una propria bellezza e una propria debolezza, bisogna avere la volontà di vederle: il tempo c’è.

Patrizia Giannotti 

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *