Saturday, Apr. 21, 2018

“Rinascere dalla bellezza”: al MAXXI una storia di arte e amicizia per l’Iraq

Written By:

|

maggio 14, 2016

|

Posted In:

“Rinascere dalla bellezza”: al MAXXI una storia di arte e amicizia per l’Iraq

Rinascere-dalla-bellezza MAXI“Rinascere dalla bellezza” è il titolo di una mostra aperta fino a domenica 22 maggio al MAXXI di Roma e dedicata alla contemporaneità dell’arte mesopotamica. E’ una mostra prodotta dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo insieme alla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo in collaborazione con il MAXXI che racconta l’attività della Cooperazione Italiana a favore del patrimonio culturale in Iraq. Una storia di arte e amicizia, in un percorso espositivo composto da ologrammi, ambienti 3D, videoproiezioni, foto, colonna sonora originale. Ne abbiamo già parlato all’interno dell’articolo di Camilla Cipolla su quanto fa  l’Italia per la salvaguardia del patrimonio culturale mondiale, ma qui vogliamo sottolineare quella  che è una forte testimonianza dell’impegno umanitario e del lavoro di ricerca tecnologica dell’Italia a Nassiriya, Baghdad, Mosul, Suleymaniya, Erbil, Duhok, che sottolinea il valore pubblico e di identità civile promosso dalla Cooperazione Italiana. Gli esperti dei Carabinieri Nucleo Tutela del Patrimonio artistico erano in Iraq già nel 2003, per aiutare a mettere in salvo scampoli della memoria storica-artistica delle civiltà mesopotamiche e trasferire know-how alle popolazioni locali.

Rinascere - Maxxi2_750x500-300x200La mostra – al di là forse delle intenzioni degli autori – è anche un nuovo omaggio postumo  alla “regina” dell’architettura, Zaha Hadid, scomparsa il 31 marzo scorso, che era di origini irachene. Il suo progetto per un polo nazionale per l’arte e l’architettura era stato selezionato in seguito a un concorso internazionale bandito dal Ministero dei beni culturali nel 1998.

La proposta di Zaha Hadid per il MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo) aveva convinto la giuria per la sua capacità di integrarsi nel tessuto urbano e per la soluzione architettonica innovativa, capace di interpretare le potenzialità della nuova istituzione e di dotarla di una straordinaria sequenza di spazi pubblici.

Oggi questa mostra rende omaggio alla bellezza della sua terra e all’arte che ha saputo produrre e che la furia iconoclasta dell’Isis ha tentato di sottrarre per sempre all’umanità.

Rosanna Angiulli

Rinascere-dalla-bellezza MAXI loghi

 

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *