Premio dei Lettori on-line:

1/10

napoletano-10L’arte presepiale  torna nelle piazze di tutta Italia per rappresentare la Nascita in tanti modi diversi. La costruzione segue essenzialmente due stili diversi: il bolognese – che scolpisce i personaggi per intero-  ed il napoletano, che prevede l’uso della terracotta.

A Roma torna la storica mostra dei 100 presepi, iniziata nel 1976, che si tiene a Piazza del Popolo; l’attenzione è focalizzata sui bambini, la scuola e le interpretazioni del Natale nel mondo. Ogni presepe viene costruito con materiali inusuali come bottoni, pasta e matite o con elementi tipici dei Paesi come frutta o pietre. Un messaggio che unisce l’originalità alla conoscenza delle tradizioni anche per i turisti di diverse confessioni.

A Milano vi è invece la Mostra Permanente del Presepe , creato nel 1700 da Londonio -lo scenografo del Teatro alla Scala al tempo di Maria Teresa d’Austria- che ha trovato una collocazione permanente  nell’ultima cappella della navata destra della Chiesa di Piazza San Marco. Sempre a Milano, si può ammirare anche  l’antico “Presepe Ligneo” della Basilica di San Nazaro. Creato nella seconda metà del 1500 dall’artista Adam Kraft, attira l’attenzione per i suoi particolari riflessi dorati  che gli conferiscono un’aria preziosa e magica.

In Emilia Romagna –oltre alla Rassegna Internazionale dei Presepi di Ravenna – molto suggestivi, e con ingresso gratuito,  sono  i Presepi allestiti sull’acqua, per esempio al porto canale leonardesco di Cesenatico, alla Rocca Malatestiana di Cesena, alla Rocca di Caterina Sforza a Forlì e San Benedetto.

A Na poli è invece allestita la XII mostra di Artigianato presepiale a cura dell’Associazione Presepistica Napoletana, con la direzione artistica di Lucio Carlevalis e con il patrocinio morale del Polo Culturale Pietrasanta. Un luogo dove ogni anno rivive la tradizione campana di rappresentare la nascita di Gesù accompagnandola a statuine che riproducono personaggi famosi della storia e della contemporaneità.

Anche se le culture si diversificano per materiale, ordini e tradizioni, quella del presepe –oltre ad essere una funzione simbolica-  è un’intenzione che rimane invariata nei luoghi e nel tempo: un messaggio di accoglienza che unisce tutti, almeno a Natale.

 Giulia Coia

Friday, Jul. 20, 2018

Presepi in Italia: le mostre da scoprire

Written By:

|

dicembre 23, 2014

|

Posted In:

Presepi in Italia: le mostre da scoprire

Premio dei Lettori on-line:

1/10

napoletano-10L’arte presepiale  torna nelle piazze di tutta Italia per rappresentare la Nascita in tanti modi diversi. La costruzione segue essenzialmente due stili diversi: il bolognese – che scolpisce i personaggi per intero-  ed il napoletano, che prevede l’uso della terracotta.

A Roma torna la storica mostra dei 100 presepi, iniziata nel 1976, che si tiene a Piazza del Popolo; l’attenzione è focalizzata sui bambini, la scuola e le interpretazioni del Natale nel mondo. Ogni presepe viene costruito con materiali inusuali come bottoni, pasta e matite o con elementi tipici dei Paesi come frutta o pietre. Un messaggio che unisce l’originalità alla conoscenza delle tradizioni anche per i turisti di diverse confessioni.

A Milano vi è invece la Mostra Permanente del Presepe , creato nel 1700 da Londonio -lo scenografo del Teatro alla Scala al tempo di Maria Teresa d’Austria- che ha trovato una collocazione permanente  nell’ultima cappella della navata destra della Chiesa di Piazza San Marco. Sempre a Milano, si può ammirare anche  l’antico “Presepe Ligneo” della Basilica di San Nazaro. Creato nella seconda metà del 1500 dall’artista Adam Kraft, attira l’attenzione per i suoi particolari riflessi dorati  che gli conferiscono un’aria preziosa e magica.

In Emilia Romagna –oltre alla Rassegna Internazionale dei Presepi di Ravenna – molto suggestivi, e con ingresso gratuito,  sono  i Presepi allestiti sull’acqua, per esempio al porto canale leonardesco di Cesenatico, alla Rocca Malatestiana di Cesena, alla Rocca di Caterina Sforza a Forlì e San Benedetto.

A Na poli è invece allestita la XII mostra di Artigianato presepiale a cura dell’Associazione Presepistica Napoletana, con la direzione artistica di Lucio Carlevalis e con il patrocinio morale del Polo Culturale Pietrasanta. Un luogo dove ogni anno rivive la tradizione campana di rappresentare la nascita di Gesù accompagnandola a statuine che riproducono personaggi famosi della storia e della contemporaneità.

Anche se le culture si diversificano per materiale, ordini e tradizioni, quella del presepe –oltre ad essere una funzione simbolica-  è un’intenzione che rimane invariata nei luoghi e nel tempo: un messaggio di accoglienza che unisce tutti, almeno a Natale.

 Giulia Coia

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

News

Agenzie di stampa, giornali, radio e tv non ignorano certo il tema della bellezza. La moda è sempre in primo piano, essendo un asset importante per il Paese. Anche il turismo nelle città d’arte gode di una buona copertura mediatica. Noi vogliamo, però, raccontare tutti gli aspetti e gli esempi dell’Italia migliore: quelli che fanno crescere il pil, ma anche quelli che fanno crescere il Paese facendolo uscire dal pessimismo e dallo sconforto perché sono esempi positivi di gente che non si arrende e non rinuncia. Segnalateceli a: news@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *