Tuesday, Aug. 21, 2018

Pompei, ritrovamento eccezionale

Written By:

|

maggio 16, 2018

|

Posted In:

Pompei, ritrovamento eccezionale

La sagoma integra di un cavallo, ottenuta attraverso la tecnica dei calchi, è l’ultima scoperta realizzata a Pompei, nell’ambito di una campagna contro gli scavi clandestini. Un “ritrovamento eccezionale che sta facendo il giro del mondo”, ha commentato il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini. 

A Pompei un ritrovamento eccezionale ha segnato questo inizio di maggio. Grazie alla tecnica dei calchi nell’ambito di una campagna contro gli scavi clandestini è emersa la sagoma integra di un cavallo.

Per il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini si tratta di un “ritrovamento eccezionale che sta facendo il giro del mondo”.

“Un’operazione che ha visto il lavoro di squadra del Parco Archeologico di Pompei, della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, del Comando Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri che conferma la forza del sistema italiano nel contrasto al traffico illecito di opere d’arte. Un ringraziamento particolare a tutti i professionisti della tutela del ministero dei beni culturali che a Pompei stanno ottenendo grandi risultati utilizzando le tecniche tradizionali e sperimentandone di nuove. Di loro si sta parlando con ammirazione in tutto il mondo”, ha concluso il ministro.

L’area del ritrovamento è quella di Civita Giuliana – zona Nord fuori le mura del sito di Pompei – grazie all’operazione congiunta del Parco Archeologico di Pompei con la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, gli investigatori del Comando Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli che stavano già indagando su queste attività illecite, dallo scorso agosto è stato avviato un intervento di scavo allo scopo di proseguire nelle indagini e salvare il patrimonio archeologico in pericolo.

L’operazione ha portato alla luce anche alcuni ambienti di servizio di una grande villa suburbana che si è eccezionalmente conservata, in essi erano contenuti anche diversi reperti: anfore, utensili da cucina, parte di un letto in legno di cui è stato possibile realizzare il calco e una tomba del periodo post 79 d.C. che custodiva lo scheletro del defunto. Tra gli ambienti individuati è emersa una stalla con resti equini.

La tecnica dei calchi ha permesso di identificare una mangiatoia la cui struttura, probabilmente costruita in materiale deperibile, è ancora visibile unicamente grazie al calco in gesso. Allo stesso modo l’individuazione, nella zona centrale della stalla, di un vuoto causato dal deperimento di materiale organico all’interno dello strato denominato ‘tuono’, ha consentito la realizzazione di un calco in gesso appunto di un cavallo.

L’animale poggia sul suolo con il fianco sinistro e mostra allo sguardo quello destro. Gli arti posteriori sembrano sconvolti dalle attività dei tombaroli che hanno interessato l’area in tempi recenti. 

I resti scheletrici visibili dell’animale mostrano una buona ossificazione riconducibile ad un individuo adulto. L’esame radiologico dello scheletro potrà restituire dati più precisi al riguardo ed anche fornire informazioni sullo stato di salute osteologica dell’animale. L’attribuzione alla specie non é al momento del tutto certa. L’esame autoptico dell’impronta dell’orecchio sinistro, perfettamente visibile nel tuono, ha evidenziato caratteristiche dimensionali e morfologiche riconducibili al cavallo piuttosto che a mulo o bardotto.

L’animale mostra un’altezza al garrese di circa 150 cm. Sebbene si debba tener presente che i cavalli antichi erano probabilmente di taglia ridotta rispetto a quelli attuali, il cavallo di Civita Giuliana ha dimensioni considerevoli, per l’epoca, che potrebbero suggerire l’esistenza di individui altamente selezionati nell’area di Pompei nel 79 d.C.. Il cavallo mostra, inoltre, nella zona del cranio finimenti in ferro con piccole borchie in bronzo. 

Il cavallo di Civita Giuliana doveva far parte della “razza più nobile”. Esso era uno indicatore della ricchezza del padrone per la sua imponenza dimensionale, probabilmente frutto di accurate selezioni, ed i sui finimenti di pregio, in ferro e bronzo. Questo cavallo deve essere stato un animale di rappresentanza che, purtroppo, nonostante l’alto valore simbolico, ha subito lo stesso destino di molti altri equidi presenti nelle numerose stalle diffuse a Pompei e nelle ville extraurbane al tempo dell’eruzione del 79 d.C..

Natalia Sacchi

Share This Article

Related News

Locri, festival del teatro classico nel Parco Archeologico tra mito e storia
Sul Tevere l’ultimo mistero di Roma Antica: marmi e tombe a Ponte Milvio

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *