Tuesday, Aug. 21, 2018

Percorso plurisensoriale ai Musei Vaticani

Written By:

|

marzo 5, 2012

|

Posted In:

Percorso plurisensoriale ai Musei Vaticani

Da poco in funzione, rende accessibile a chi è diversamente abile alcuni tra i capolavori custoditi  

In una lettera del 1992, inviata dalla segreteria dei Musei Vaticani ai responsabili dei reparti e delle gallerie Pontificie, si faceva richiesta di compiere un censimento delle opere da poter essere messe a disposizione dei visitatori per un’esplorazione tattile e non solo visiva. Nel corso di questi ultimi anni, quelle poche righe hanno rappresentato per alcuni dei professionisti dei Musei una vera e propria sfida, resa ultimamente assai più avvincente. Recentemente, infatti, il Gregoriano Profano e la Pinacoteca Vaticana hanno messo in opera un percorso plurisensoriale, che permette a persone con difficoltà visive ed uditive di conoscere selezionati capolavori in mostra nei due ambienti espositivi. Oltre al prezioso ausilio di operatori didattici specializzati in storia dell’arte e nel linguaggio italiano dei segni, per i non vedenti e gli ipovedenti, i Musei Vaticani propongono un’iniziativa unica nel suo genere a livello mondiale: alcuni tra i busti, i sarcofagi e i rilievi del museo Gregoriano Profano saranno a disposizione per essere esaminati tattilmente e  conosciuti anche grazie a sussidi uditivi,  come l’esecuzione dal vivo di brani musicali o la recitazione di alcuni estratti letterari, scelti appositamente in funzione dell’opera. Tavole termoformate e bassorilievi prospettici, plastici e sollecitazioni olfattive evocheranno, presso la quarta e la dodicesima sala della Pinacoteca Vaticana, le immagini rappresentate nel dipinto di Melozzo da Forlì, l’ “Angelo che suona il liuto” e nella gigantesca “Deposizione” del Caravaggio. Per quest’ultima opera, alcuni dei Laboratori di restauro dei Musei Vaticani hanno lavorato fianco a fianco per renderne ancora più accessibile la lettura tattile, fornendo ai visitatori una riproduzione di una parte del quadro realizzata utilizzando una tela risalente al periodo in cui visse il Caravaggio.

Totalmente gratuiti i biglietti d’ingresso e le visite guidate: il percorso nella sua interezza prevede una durata approssimativa di due ore; un itinerario distante dal quotidiano fluire della massa verso la Cappella Sistina, che consentirà al pubblico, in tutta tranquillità, di godere di una così densa esperienza. Giorni ed orari saranno concordati al momento della prenotazione, obbligatoria in questo caso allo scopo di rendere il più agevole possibile la visita tra le sezioni museali vaticane.

La richiesta può essere effettuata via mail scrivendo all’indirizzo visitedidattiche.musei@scv.va o telefonando  ai numeri: 06 69883145 – 06 69884676 – 06 69884947.

Una proposta che conferma la cura che da sempre i Musei Vaticani, ed in particolare i rispettivi reparti didattici,  rivolgono all’accoglienza e alle diverse esigenze del pubblico.

 

Andrea Mazzuca

Share This Article

Related News

Sul Tevere l’ultimo mistero di Roma Antica: marmi e tombe a Ponte Milvio
Kaulon: apre al pubblico ad agosto il mosaico pavimentale della Sala dei draghi e dei delfini
Sul Pollino la Festa della Pita

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *