Wednesday, Nov. 21, 2018

Per un nuovo ambientalismo, dialogo con i maestri

Written By:

|

maggio 29, 2013

|

Posted In:

Per un nuovo ambientalismo, dialogo con i maestri

L’associazione “Gli asini” e la rivista “Lo straniero” promuovono, con il sostegno e il patrocinio dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Venezia, il convegno “Per un nuovo ecologismo. Laura Conti vent’anni dopo” sabato 8 giugno 2013 dalle  9 alle 19 presso la Plip Centrale dell’Altraeconomia di Mestre, a partire dall’esperienza e dall’opera di Laura Conti, medico, partigiana e ambientalista, autrice di Che cos’è l’ecologia (in ristampa per le Edizioni dell’Asino, con le revisioni volute dall’autrice) scomparsa nel 1993.

Il convegno si propone, nella sua prima parte, di ripercorrere in modo critico la storia dell’ambientalismo italiano anche attraverso i racconti di alcuni protagonisti, e nella seconda parte di rilanciare l’universalismo ecologista, coinvolgendo la frammentata galassia di lotte per l’ambiente (dalla difesa dei beni comuni, come l’acqua pubblica, ai movimenti di opposizione alle cosiddette grandi opere) attive nei nostri territori.

È prevista la partecipazione, tra gli altri, di Giorgio Nebbia (con un intervento video), Pier Paolo Poggio (direttore della Fondazione Luigi Micheletti di Brescia), Gianfranco Bettin (Assessore all’Ambiente del Comune di Venezia)Francesco Carnevale (medico del lavoro), Luca Rastello (autore di Binario morto. Lisbona-Kiev. Alla scoperta del Corridoio 5 e dell’alta velocità che non c’è), Chiara Certomà (Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa), Paolo Carsetti(portavoce del Movimento per l’Acqua Pubblica), Luca Giunti (guardiaparchi Comunità montana bassa Val Susa),Gemma Beretta (Circolo Legambiente di Seveso), Giulio Marcon (parlamentare indipendente Sel).

L’obbiettivo è di rivalutare l’impegno politico, l’opera, anche letteraria, e l’attività pedagogica della precorritrice della cultura ambientalista in Italia, attraverso la testimonianza delle lotte ecologiste a partire da quelle legate al mondo del lavoro. Laura Conti fu tra i primi a introdurre in Italia riflessioni sui problemi dello sviluppo, dei limiti delle risorse, del rapporto tra sviluppo industriale e conservazione della natura: il suo nome è anche legato al disastro di Seveso del 1976, dopo il quale si impegnò, con inchieste e attività politica e parlamentare nelle file del Pci e nell’associazione Arci, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’inquinamento industriale, persuasa che la cultura ambientalista dovesse trovare un concreto sbocco politico.

Nella seconda parte del convegno, strutturata come tavola rotonda, si tenterà un bilancio delle inadempienze dei “verdi” e degli ambientalisti italiani negli ultimi trent’anni, mettendo in luce le questioni decisive per il nostro presente e l’immediato futuro: la mobilità, i trasporti e le grandi opere; le energie rinnovabili, gli impianti energetici e la crisi dell’attuale modello di sviluppo; le risorse del territorio e i beni comuni. Proprio per questa doppia natura dell’incontro, le figure di studiosi, attivisti e operatori invitate a partecipare appartengono a mondi e generazioni eterogenei tra loro, nella consapevolezza che la strada per un nuovo ecologismo passa anche attraverso un dialogo critico con i maestri e le esperienze del passato.

(c.m.)

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *