Saturday, Jul. 21, 2018

Palermo, l’oratorio “digitale”di San Mercurio

Written By:

|

maggio 11, 2014

|

Posted In:

Palermo, l’oratorio “digitale”di San Mercurio

Oratorio San Mercurio 1La storia dell’Oratorio di San Mercurio di Palermo è legata ad un’antica leggenda. Si narra, infatti, che il viceré Giovanni de’ Vega, per tre notti consecutive, dalle finestre del Palazzo Reale vide una strana luce nascere nella zona non abitata antistante al Palazzo; dopo alcune ricerche, fu trovata l’immagine della Vergine dipinta su una roccia. Nel 1557, quindi, il viceré decise di far erigere, sull’antico antro di San Mercurio, due Oratori e la Cappella dedicata alla Madonna del Deserto, dove custodire la sacra immagine.Oratorio San Mercurio 2

Nel 1572 il Senato di Palermo concesse l’edificio alla Compagnia della Madonna della Consolazione in San Mercurio. Nel 1678 l’Oratorio di San Mercurio fu decorato da Giacomo Serpotta, artista Barocco che intervenne sulla decorazione a stucco delle sei finestre lasciando, nel secondo decennio del Settecento, la zona della controfacciata e del cantoria al figlio Procopio. Gli stucchi dell’arco e del presbiterio, sempre di scuola serpottiana, sono da ricondurre a metà del Settecento mentre il pavimento, interamente in maiolica con decoro a disegno unico, è stato realizzato da maestri palermitani sempre nel Settecento.

Tutta l’arte, la storia e la tradizione racchiuse nell’Oratorio di San Mercurio, per essere valorizzate e promosse come patrimonio culturale, sono state oggetto, lo scorso 4 maggio, di un’Invasione Digitale.

Le Invasioni digitali sono delle iniziative create e dedicate alla promozione del patrimonio culturale italiano attraverso internet: i visitatori del luogo sono stati invitati a condividere le fotografie su Facebook, Twitter, Instagram o altri social network, accompagnando la foto con una breve descrizione e con i tag #oratoriodisanmercurio #amicimuseisiciliani #siciliainvasa2014 #invasionidigitali. L’uso di questi tag è fondamentale, perché permette di indentificare le immagini sul web, dando un significato e maggiore visibilità alle fotografie.Invasione

Un’iniziativa che, oltre ad aver raccolto un grande successo, ha contribuito a valorizzare e a dare visibilità a uno dei tanti esemplari dell’immenso patrimonio culturale della nostra terra.

Clara Cosenza

 

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *