Wednesday, Nov. 21, 2018

Nicolas Khoury, l’uomo delle conchiglie

Written By:

|

novembre 28, 2012

|

Posted In:

Nicolas Khoury, l’uomo delle conchiglie

Aspettava con impazienza il bel tempo, quest’anno così tardo ad arrivare. Quando le giornate si addolciscono, anche la brezza marina intiepidita è un invito a fermarsi più alungo sul bagnasciuga. Può capitare allora, se ci si trova al Cavallino di Venezia, di incontrare un uomo curvo per ore sulla sabbia, un cacciatore di sogni. Sono 35 anni che Nicolas Khoury, durante la stagione estiva, alle 4.30 del mattino, dopo aver visto sopraggiungere l’alba e aver dato il saluto agli uccelli fraticelli che fanno il nido tra le conchiglie dell’arenile, fa il suo inchino a madre natura e le offre il suo rendimento di grazie, valorizzandone un dono che ormai pare stupire solo i bambini. Ha ottant’anni il signor Nicolas e una grande passione: le conchiglie. «È un piacere per me raccogliere le conchiglie. È un inchinarsi fisico e spirituale di fronte alla bellezza della natura. Anche se ora, a causa del mal di schiena, mi sono costruito un attrezzo per tirarle su, non viene meno il mio rispetto e la mia meraviglia di fronte alla grandezza e all’originalità del creato – spiega Khoury – Ho sempre avuto la passione della natura, da bambino raccoglievo semi, piantine, foglie e a casa mi rimproveravano perché portavo dentro di tutto. Ma le conchiglie… Le conchiglie sono stupefacenti: non ce n’è una uguale a un’altra. Quando le pulisco, il grigio dovuto alla salsedine se ne va; compare il colore e mi si apre il cuore». Nicolas Khoury abita in zona Sacra Famiglia a Padova e nello stesso quartiere ha in affitto un piccolo atelier, dove custodisce il suo tesoro: circa 150mila conchiglie, di colori, forme, dimensioni diversi, tutte comuni, quelle delle più frequenti famiglie delle nostre coste. Alcune sono miniature: è possibile farcene stare 41 su tre polpastrelli di una mano. Ma il dato più sorprendente agli occhi è il colore: gialle, arancioni, rosse, rosa, porpora, a linee, con effetto piumato, quasi a rendere un volto umano. Khoury ne ha una, la preferita, la più amata, in cui si riescono a leggere delicati lineamenti femminili e un copricapo. Lui la chiama “la principessa”. Vi sono anche i mitili, i nostri peoci: tra le sue mani diventano quasi blu.«Quando la gente vede il colore originale di queste conchiglie, mi chiede abitualmente: “Le ha dipinte lei?”. E io rispondo sempre: “No, le ha dipinte quello dell’ultimo piano”». Dopo quindici anni di raccolta, ha deciso di selezionarle e quasi per caso fece una scoperta: disponendole una accanto all’altra su un foglio di carta, le conchiglie davano forma ad altre forme, a disegni di natura, astratti, riproduzioni di quadri celebri. Colorati mosaici di cui questi piccoli tasselli di mare sono le tessere, scelte con cura tra migliaia di altre. Forte della sua esperienza e competenza di fotografo, Khoury dagli anni Novanta ha cominciato a fotografare le sue composizioni e a stamparle in grande formato; quindi rimuove le conchiglie dal disegno realizzato, che riutilizzerà eventualmente per altre composizioni. Le foto sono quanto rimane delle sue decine e decine di opere che, come i mandala di sabbia tibetani, alla fine vengono distrutte. «Tutta la sua operazione artistica – ha affermato un critico dopo aver visto le sue foto – è una sorta di lunga performance riassunta dall’immagine fotografica, non conclusa se non con il dissolvimento dell’opera stessa». Le sue opere sono state esposte in una mostra mondiale di malacologia ad Ascoli Piceno; anche il comune di Padova gli ha dedicato una mostra nel 2002. Nel sito web www.arteam.it/nicolas/ possibile vedere alcune composizioni.

(Cinzia Agostini)

Articolo partecipante al premio giornalistico La Voce della Bellezza e pubblicato su La Difesa del popolo

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

(1) Reader Comment

  1. lamberto
    novembre 30, 2012 at 10:38 am

    Cinzia complimenti. Bello ed interessante articolo!! Auguri per il concorso.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *