Monday, Jun. 25, 2018

Milano: riaprono “I cantieri dell’arte” con ‘600 e ‘700

Written By:

|

aprile 10, 2012

|

Posted In:

Milano: riaprono “I cantieri dell’arte” con ‘600 e ‘700

Milano, 10 apr.  –  Riparte sabato 14 aprile, da Palazzo Serbelloni, in Corso Venezia a Milano l’edizione 2012 del percorso “Milano: i cantieri dell’arte”, un’iniziativa culturale e imprenditoriale, che mira a valorizzare le qualità e potenzialità di Milano come città d’arte in un modo inconsueto e innovativo: attraverso la presentazione e l’analisi delle importanti opere di restauro eseguite negli ultimi 10 anni su un patrimonio storico e artistico di straordinario valore.  Per domenica 15  apre ai visitatori Villa Brivio, a Nova Milanese; mentre per il week end successivo ci si trasferisce  nel lodigiano per ammirare le architetture rurali, sabato 20 aprile, e scoprire i sotterranei del Torrione di Lodi, il 21 aprile. Tutte le visite vanno prenotate, fino a esaurimento di posti, sul sito dedicato (www.milanoneicantieridellarte.it). Per introdurre il percorso in sei tappe, il 12 aprile si terrà  a Milano un convegno  sul restauro delle “fabbriche” del ‘600 e del ‘700 nelle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza: imprenditorialità e lavoro pratico per la conservazione del patrimonio artistico. Dopo il successo delle edizioni dedicate alla riscoperta delle architetture del ‘400 e del ‘500, a partire dal 2011 Milano nei cantieri dell’arte concentra l’attenzione sui cantieri di restauro del ‘600 e ‘700 ripercorrendo il graduale sviluppo urbano racchiuso nella cinta muraria di Carlo V con le fabbriche e le opere idrauliche già avviate in epoche precedenti. Lo stesso percorso storico-artistico ha caratterizzato l’evoluzione dei territori brianzolo e lodigiano che troveranno uno specifico spazio di approfondimento all’interno dell’iniziativa.

Al tempo stesso l’iniziativa vuole promuovere le competenze, il know-how e le tradizioni delle imprese milanesi attive nel settore del restauro conservativo e del consolidamento statico di edifici storici, sia sul fronte dei materiali che delle tecniche di intervento.

Sono partner di questa esperienza l’Assimpredil Ance, Associazione delle Imprese edili e complementari delle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza; la Camera di Commercio di Milano; la• Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano, Bergamo, Como, Lecco, Lodi, Pavia, Sondrio, Varese;  l’ Arcidiocesi di Milano, Vicariato per la Cultura.

I cantieri di restauro rappresentano un’importante occasione: per realizzare una riflessione storica e una ricostruzione della città anche dal punto di vista del mondo del lavoro e della sua organizzazione operativa; ma anche per riflettere sul ruolo del restauro come “traghettatore” del valore culturale delle attività pratiche e teoriche (dal rilievo alla ricerca storica, dalle indagini chimico-materiche a quelle di carattere storico, dalle modalità di intervento alle inevitabili scoperte in fase realizzativa). Non da ultimo l’iniziativa servirà a  individuare metodologie di intervento da parte delle imprese esportabili all’estero. (Massimo Durante)

Per approfondire:
DIDA: I sotterranei del Torrione di Lodi
DIDA: Un fregio del Teatro alla Scala di Milano (edizione 2011 di “Nei cantieri”)
DIDA: Milano rilegge la sua storia dell’architettura

Share This Article

Related News

Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano
“Borgo d’Autore” a Venosa dall’8 al 10 giugno, con 50 appuntamenti

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *