Wednesday, Sep. 26, 2018

Metafisica ed avanguardie, tornano a Ferrara i capolavori di De Chirico

Written By:

|

novembre 13, 2015

|

Posted In:

Metafisica ed avanguardie, tornano a Ferrara i capolavori di De Chirico

 de chirico (1)Cento anni. Tanto è il tempo passato da quando il grande maestro Giorgio De Chirico, visse a Ferrara e dipinse, nell’arco del triennio 1915-1918, alcuni dei quadri cardine della pittura metafisica come “I progetti della ragazza”, “Il grande metafisico” o “Le muse inquietanti”. Per celebrare questa ricorrenza, la Fondazione Ferrara Arte e la Staatgalerie di Stoccarda, in collaborazione con l’Archivio dell’arte metafisica, hanno allestito la mostra “De Chirico a Ferrara. Metafisica e Avanguardie”. Al via il 14 novembre con la presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l’esposizione si terrà presso gli spazi espositivi di Palazzo Diamanti fino al 28 febbraio.

Curato da Paolo Baldacci e Gerd Ross, il percorso espositivo comprende oltre alcune delle più importanti opere di De Chirico provenienti dai principali musei e collezioni di tutto il mondo. Scandita in sezioni cronologico-tematiche, la rassegna è inoltre arricchita da una selezione di dipinti, ready made, acquarelli, disegni, collage e fotografie degli artisti, che si ispirarono al pittore italiano. Ai lavori di De Chirico, infatti, saranno accostate le composizioni di Carlo Carrà, Giorgio Morandi, Filippo de Pisis. E quelle di grandi artisti delle avanguardie europee come Hausmann, Grosz, Magritte, Dalì ed Ernst. Il catalogo della mostra, poi, prevederà citazioni tratte dai saggi dei maggiori specialisti di quel periodo storico, per offrire allo spettatore uno sguardo completo su questa avanguardistica stagione dell’arte nazionale ed internazionale.de chirico (2)

 «Questa mostra – ha spiegato il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani – sottolinea l’influenza che la scrittura di De Chirico, conosciuta da Carrà e Morandi, ha avuto su una parte consistente della cultura del Novecento. Abbiamo voluto allestire la mostra con un duplice significato: nel 2015 ricordiamo il centenario dell’ingresso dell’Italia nella prima guerra mondiale, ma per Ferrara è il riconoscimento del ruolo che la città ha avuto nella pittura metafisica».

Lorenzo Fusco

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *