Wednesday, Nov. 21, 2018

Lo sguardo di Pasolini su una Milano ormai scomparsa

Written By:

|

giugno 7, 2014

|

Posted In:

Lo sguardo di Pasolini su una Milano ormai scomparsa

pasolini la-nebbiosa-lo-sguardo-di-pasolini-su-una-milano-ormai-scomparsaUna mostra che racconta Milano in un periodo importante della sua storia, quel Dopoguerra in cui Milano che è stata fucina di talenti e di progressi culturali, economici e industriali. A Palazzo Moriggia, fino al 14 settembre, va in scena “La nebbiosa. Lo sguardo di Pasolini su una Milano ormai scomparsa” che ha come titolo il nome di una sceneggiatura che l’artista scrisse nel 1959 e che mai si tradusse in film. Così ora Milano rende omaggio a questo progetto nato dalla penna del poeta bolognese con un percorso fotografico intimo e raffinato, arricchito dai brani della sceneggiatura di Pasolini. La mostra è stata promossa da Comune all’interno del palinsesto della Primavera di Milano.

Obiettivo dei curatori è immaginare e rappresentare in mostra quali avrebbero potuto essere i luoghi e i volti di questo film mai girato, attingendo a immagini d’epoca evocative di pezzi di una città radicalmente mutata. Alle fotografie si accompagnano testi scelti de La Nebbiosa: un vero e proprio racconto attraverso immagini e parole, che il visitatore può immaginare come lo storyboard pensato da Pier Paolo Pasolini per il suo film: Metanopoli, la città ideale progettata da Enrico Mattei; i nuovi grattacieli Galfa e Pirelli, costellati di luce; le periferie dove cascine e alberi affiancano le nuove costruzioni, i quartieri oltre il naviglio con le rovine e le case sventrate: la Milano della Nebbiosa ci appare oggi molto diversa.

Si procede sulle note del testo alla scoperta di una Milano mai rappresentata: scatti d’epoca realizzati da maestri come Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna e Federico Garolla, che catturano quei luoghi scelti dall’artista come cornici della propria creazione.

Pasolini milano-gianni-berengo-gardinLa seconda parte della mostra, intitolata ‘Lo sguardo dei milanesi fa rivivere una Milano ormai scomparsa’, è un omaggio alla città scomparsa e a tutti coloro che la videro ai tempi di Pasolini e la immortalarono attraverso le proprie immagini fotografiche. A costituire la rassegna saranno infatti gli stessi milanesi, invitati da uno speciale appello a condividere il ricordo della loro città, partecipando a quella che può definirsi come la prima social exhibition milanese.

I visitatori che porteranno con sé una o più fotografie – scattate a Milano e dintorni tra il 1950 e il 1965 – avranno la possibilità di esporre in mostra, con il loro nome, le migliori. Le 1850 caselle disponibili, una volta riempite con le fotografie selezionate, ricostruiranno così un mosaico ideale della Milano di quegli anni, come la percepirono i suoi abitanti. Il progetto si sviluppa dalla convinzione che le vecchie fotografie, tramandate o custodite nei cassetti, siano la testimonianza di una storia che non è stata raccontata, proprio come La Nebbiosa. Una storia fatta di ricordi e immagini che spesso hanno poco da invidiare a quelle dei grandi fotografi.

La mostra è stata prodotta da CreE e il Saggiatore Mostre.

c.m

SCHEDA MOSTRA
Apertura al pubblico fino al 14 settembre 2014

Spazi al pianoterra di Palazzo Moriggia | Museo del Risorgimento, Via Borgonuovo 23, Milano
martedì – domenica, 9.00_13.00 / 14.00_17.30
Tel. +39 02 884 64177 – 64173 | c.museorisorgimento@comune.milano.it | www.civicheraccoltestoriche.mi.it
Ingresso libero

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *