Tuesday, Aug. 21, 2018

Licenziato riapre l’azienda e assume gli ex colleghi

Written By:

|

maggio 29, 2012

|

Posted In:

Licenziato riapre l’azienda e assume gli ex colleghi

Dal Veneto una storia di riscatto: quella di Cristian Stangalini, a 44 anni dalla cassa integrazione al riscatto.

La storia è talmente bella che l’hanno raccontata tutti. Partita da un quotidiano di provincia, “Il Mattino di Padova” è stata ripresa e rilanciata da radio e tv ed anche da grandi quotidiani – come la Repubblica – e siti web con molti fan, come Dagospia che – una volta tanto – non ci racconta il gossip e il “cafonal” di questa Italia slabbrata, ma una storia di riscatto e di fiducia.  “Ripartire è possibile – commenta Dagospia – e mentre in Italia ogni giorno si suicida una persona che ha perso il lavoro c’è chi è riuscito a riprendere in mano le sorti dell’azienda che lo aveva licenziato e ora fattura 400mila euro al mese”.

Una storia simbolo, di volontà e di riscatto: ne l 2010, a 43 anni, Cristian Stangalini, manager, un brianzolo trapiantato a Padova, viene messo in cassa integrazione dalla multinazionale Metal Welding Wire (ex Femi Metal), specializzata nella lavorazione del ferro, con sede a Bergamo e allora vende casa, lotta contro le banche, fonda una sua azienda, la Omp Fili, noleggia capannone e attrezzature, e assume  una quindicina di colleghi.

Grazie all’aiuto della moglie, che è anche socia dell’azienda, e al patrimonio di risorse professionali rappresentato dagli ex colleghi, l’azienda di Stangalini – con il suo piccolo miracolo in tempo di crisi –  rappresenta un esempio che conforta.  La sua azienda è un posto dove si lavora senza sosta, sette giorni su sette, con speranze concrete di altre assunzioni. “Con tutti gli altri colleghi ci sentiamo ancora – ha detto Stangalini a Padova Oggi – e abbiamo un bel rapporto. In tempi di crisi come questi non vorrei dare false speranze a quelli che ancora si trovano in difficoltà ma magari con altri progetti se tutto funziona bene… non si sa mai riesca ad assumere qualcun altro.  A noi le cose vanno bene per fortuna. Qualche volta siamo in ritardo con le consegne per il troppo lavoro”. Decisamente in controtendenza rispetto a quello che succede in Italia, ma Stangalini svela il mistero: “Purtroppo il 95% dei nostri clienti sono all’estero, per una semplice ragione: lì pagano”.

(Francesca Marcone)

Share This Article

Related News

Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
Renato Lenzi, un italiano a capo dell’ente europeo per i mammiferi marini
Rita Valenzuela, il tempo di uno sguardo in uno scatto

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *