Tuesday, Sep. 25, 2018

Liberatore, sculture in dialogo ambientale con i Mercati di Traiano

Written By:

|

dicembre 12, 2014

|

Posted In:

Liberatore, sculture in dialogo ambientale con i Mercati di Traiano

Liberatore- scultureDal 14 dicembre 2014 al 12 aprile 2015 i Mercati di Traiano ospitano venticinque sculture di Bruno Liberatore, allievo prediletto e collaboratore di Pericle Fazzini ed oggi  docente di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Tutte le sue opere, siano esse realizzate in bronzo, ferro e terracotta, testimoniano una perentoria originaria vocazione plastica e un loro radicamento in un immaginario di archetipi; il  paesaggio è infatti considerato dall’artista –in sintonia con le correnti moderne- non uno sfondo, ma materia utile, sostanza della scultura.

I lavori  – recenti e non-  entreranno in dialogo con le antiche mura della via Biberatica e nelle tabernae dei Mercati di Traiano, rappresentando il rapporto conflittuale tra uomo e ambiente con forme e volumi innovativi, diversi dalla plastica figurativa.

I rapporti conflittuali, ma sempre affascinanti, tra uomo e ambiente sono rappresentati attraverso le forme e i volumi, innovativi e lontani dalla plastica figurativa, di Bruno Liberatore, una delle personalità più originali sulla scena della scultura italiana contemporanea.

Questa mostra è l’ultima delle tante annoverate nella carriera  del Maestro:  nella Capitale ebbero successo  le esposizioni a Castel Sant’Angelo (1993-94) e al Vittoriano (2001), e l’”Assalto all’Olimpo”. Di forte risonanza sono state anche le mostre in sedi museali internazionali di alto pregio come le esposizioni allo Schloss Pillnitz a Dresda, il Museu del Memoriale de America Latina a San Paolo del Brasile o, ancora, all’Ermitage di San Pietroburgo, dove è stata dedicata una sala a Liberatore, unico artista vivente ospitato in questa prestigiosa sede con due rassegne personali.

g.c.

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *