Thursday, Apr. 19, 2018

Le Notti di Segesta, la Sicilia e la sua storia

Written By:

|

agosto 29, 2013

|

Posted In:

Le Notti di Segesta, la Sicilia e la sua storia

Gran finale il 31 agosto delle Notti di Segesta con Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, un grande classico siciliano interpretato da Paolo Briguglia, Silvia Ajelli e Rinaldo Clementi. Una notte infinita che sfumerà nell’alba dedicata alle sirene,  da un racconto ancora di Tomasi di Lampedusa ad Omero. Se sonorizzazioni sono di Dario Sulis e Gianni Gebbia. Lo scenario, è appena il caso di sottolinearlo, è di straordinaria bellezza: il magnifico teatro greco affacciato sulla vallata.

Alfio Scuderi, ideatore delle serate segestiane e protagonista della rinascita del teatro di Segesta sottolinea che “Ripartire dopo un anno di stasi, con tutte le difficoltà insite visti i tempi attuali, è stato un atto di coraggio, ma dovuto. Non abbiamo potuto garantire una stagione intera di rappresentazioni, ma le albe e le serate dei week end con il progetto di continuità Le Notti di Segesta. Il filo conduttore è sempre la Sicilia, con i suoi artisti e la sua storia.”

Da sabato 10 agosto il Teatro Greco di Segesta è stato il palcoscenico naturale di un happening in 5 serate. Ha cominciato Philippe Daverio con il suo Save Italy, movimento d’opinione per una conversazione-spettacolo per sostenere la cultura e tutto il patrimonio artistico siciliano. Indimenticabili i Notturni di Chopin interpretati da artisti siciliani.

Tra gli altri appuntamenti indimenticabili di questa breve ma intensa stagione segestiana i Fuochi di Bach, ensemble di fire-dancing nato da un’idea di Stefano Bollani: protagonisti Valentina Cenni, attrice e ballerina con la passione per la giocoleria con il fuoco, ed Enrico Melozzi, violoncellista e compositore di grande fama e talento, ideatore de “I 100 violoncelli” di Giovanni Sollima.

Sono seguiti altri eventi: il 17 agosto una notte dedicata alla lirica con il Barbiere di Siviglia, con il siciliano Simone Alaimo; il 23 agosto una notte dedicata alla musica con la partecipazione di Fabio Concato, Francesco Cafiso, Francesco Buzzurro e Giuseppe Milici; il 24 agosto una notte dedicata al teatro classico con Le Troiane, riadattato da Mitipretese. Insomma un esempio eccellente di valorizzazione  del patrimonio culturale italiano,  anche in tempi di crisi economica.

(c.m.)

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *