Sunday, Jun. 24, 2018

Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

Written By:

|

giugno 6, 2018

|

Posted In:

Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

Il lavoro certosino della filologa e papirologa Valeria Piano, ricercatrice dell’università Federico II, ha regalato agli amanti del mondo antico, e non solo, una nuova lettura del papiro numero 1067 di Ercolano, rotolo di pregiata fattura e vergato in una elegante scrittura capitale. Il papiro, conosciuto, finora, come Oratio in Senatu habita ante principem, si riteneva conservasse un’orazione politica attribuibile a Lucio Manlio Torquato e pronunciato in Senato al cospetto dell’imperatore. La scoperta è stata fatta nell’ambito del progetto europeo Platinum, che fa capo all’università Federico II di Napoli ed è finanziato dall’Unione europea.

La ricercatrice ha ricomposto gli scampoli, tutti provenienti dallo stesso rotolo e dunque catalogati con il medesimo numero d’inventario; gli studi contenutistici, eseguiti sui sedici pezzi rivenuti, e l’analisi cronologica hanno condotto alla certa attribuzione dell’opera ad Anneo Seneca (Cordova, 54 a.C. – Roma, 39 d.C.), detto il Vecchio o il Retore, padre dell’illustre filosofo Lucio Seneca.

L’importanza della scoperta risiede nel fatto che delle Historiae ab initio bellorum civilium di Seneca il Vecchio, che interessano i primi decenni del principato di Augusto e Tiberio (27 a.C.- 37 d. C.), non vi era, finora, alcuna notizia diretta di tradizione manoscritta. La presenza di espressioni di tipo storico-narrativo e del discorso diretto, che giustifichi l’occorrenza del vocativo “Auguste”, ha indotto la filologa a credere si trattasse di un testo di tipo storico o retorico. Tali peculiarità, unite alla totale assenza di espressioni filosofiche, hanno reso Seneca il Vecchio l’ipotesi di attribuzione più plausibile

Il P. Herc. 1067 è uno dei più noti papiri latini della collezione di Ercolano – spiega il direttore della biblioteca Francesco Mercurio –

l’attribuzione a Seneca padre è strabiliante. Il papiro ci offre una memoria storica delle vicende della prima Roma imperiale sotto Augusto e Tiberio, con qualche possibile riferimento alla storia immediatamente precedente. Inoltre il lasso di tempo individuato, i personaggi menzionati nel papiro, la presenza nella biblioteca di Ercolano della produzione di Seneca padre, ci danno un’altra interessante conferma e dimostrano, in modo inequivocabile, che la Villa dei Pisoni e con essa la sua biblioteca, era un importante e vitale centro di studi fino a poco prima dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.”.

Dal ministero dei beni e delle attività culturali arriva la soddisfazione della direttrice generale delle biblioteche e istituti culturali Paola Passarelli, che parla di “segnale positivo di come fare sistema possa portare a questi risultati e uno stimolo incoraggiante a proseguire in questo senso”. La segretaria generale del ministero Carla di Francesco sottolinea, a sua volta, come il binomio tutela e ricerca porti oggi ad un risultato straordinario e restituisca al mondo un’opera della letteratura latina finora ritenuta perduta.

Patrizia Giannotti

Share This Article

Related News

Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
La Vienna di Mozart alla Festa della Musica nel museo della Sibaritide
“Borgo d’Autore” a Venosa dall’8 al 10 giugno, con 50 appuntamenti

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *